Me
Il Guggenheim compie 55 anni
Condividi su:

Il Guggenheim compie 55 anni

Il 21 ottobre 1959, cinquantacinque anni fa, apriva al pubblico il celebre edificio di New York progettato da Frank Lloyd Wright

21 Ott. 2014

Il 21 ottobre 1959, cinquantacinque anni fa, apriva a New York la nuova sede del Museo Solomon R. Guggenheim, progettata dall’architetto Frank Lloyd Wright.

Il museo era stato fondato nel 1937 e inizialmente si trovava nella 54esima strada, dove ospitava le opere astratte di proprietà di Solomon Guggenheim. Negli anni Quaranta, però, si capì che era necessaria una sede più ampia per il museo, e nel 1943 fu incaricato per questo l’architetto Frank Lloyd Wright.

L’interno del nuovo edificio comprende un’ampia spirale che sale verso l’alto, all’interno della quale una lunga rampa circolare permette di visitare gli ambienti nei diversi piani.

Nell’idea di Lloyd Wright, l’insolita forma raffigura una ziggurat capovolta. La ziggurat è la piramide tipica della Mesopotamia e Lloyd Wright la chiamava, proprio per questo, taruggiz. Starebbe a simboleggiare il rovesciamento della torre di Babele, che era probabilmente una ziggurat – e con essa il suo significato biblico. Non quindi la divisione dei popoli, ma l’unione di essi, attraverso la cultura.

Inizialmente, l’audace e insolita struttura venne criticata da numerose testate, come Life, e numerosi artisti, che temevano non fosse un ambiente congruo per ospitare le loro opere, mentre altri fecero il contrario, a partire dal New York Times, che dalle sue pagine sostenne il progetto. Il giorno dell’inaugurazione, arrivarono le congratulazioni ufficiali del presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower all’architetto.

Oggi il Solomon R. Guggenheim Museum è una delle principali istituzioni artistiche al mondo, ospita una collezione di alto livello, con opere di artisti come Kandinskij, Chagall, Picasso e Modigliani, e organizza mostre di rilevanza internazionale. È forse la sua unica e singolare struttura, ideata dall’architetto Frank Lloyd Wright, a renderlo un edificio unico, celebre in tutto il mondo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus