Me
Cosa è successo oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

21 Ott. 2014

Cosa è successo oggi nel mondo, senza giri di parole:

 

Isis: beffa gli Usa: “abbiamo le armi che avete lanciato ai curdi”.

Siria: nuovo video-choc, donna lapidata. Tra gli aguzzini c’è anche il padre.

Premio Sakharov: il premio assegnato dal Parlamento Europeo per la libertà di pensiero è stato vinto dal congolese Denis Mukwege.

Corea del Nord: Jeffrey Fowle, uno dei tre americani detenuti, è stato liberato. Lo afferma il Dipartimento di Stato americano.

Afghanistan: la produzione di oppio ha raggiunto nel 2013 il record.

Cina: le esecuzioni sono scese del 20 per cento rispetto all’anno scorso, ma mantiene ancora il primato mondiale.

Mosca: morto l’amministratore delegato di Total in un incidente aereo.

Pistorius: condannato a 5 anni per l’uccisione dell’ex fidanzata.

Irlanda del Nord: primò sì del parlamento alla legge che proibisce la prostituzione.

Isis: i miliziani hanno intercettato un carico di rifornimenti paracadutato per i curdi di Kobane.

Hong Kong: timidi spiragli di apertura da parte del governo nei primi colloqui con i manifestanti.

Turchia: il ministro degli Esteri ha riferito che i peshmerga curdi non hanno ancora raggiunto Kobane.

Stati Uniti: nell’ultimo anno rubati da hacker oltre 500 milioni di dati.

Ebola: guarita l’infermiera spagnola contagiata dal virus.

Petrolio: l’Angola potrebbe superare la Nigeria nella produzione entro il 2020, diventando il primo Paese subsahariano per produzione.

Iraq: a Baghdad almeno 18 morti in attentato contro sciiti.

Ucraina: chiede un prestito di 2 miliardi di euro all’Ue per pagare i debiti del gas alla Russia.

Libia: il parlamento eletto a maggio ha dato il sostegno all’ex generale Haftar.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint)

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus