Me
I capolavori di una bambina autistica
Condividi su:

I capolavori di una bambina autistica

Si chiama Iris Grace, ha 5 anni e comunica tramite l'arte. I suoi quadri valgono migliaia di dollari e ricordano quelli di Monet

10 Ott. 2014

Iris Grace Halmshaw è una bambina di 5 anni nata e cresciuta nel Regno Unito. A due anni d’età, le è stata diagnosticata una forma di autismo. Solo ora sta imparando a parlare.

I suoi genitori hanno deciso di sottoporla alla terapia logopedica, ma anche di introdurla alla pittura, scoprendo una capacità di concentrazione impensabile e un talento immenso. I suoi quadri, diffusi dalla madre sul web qualche giorno fa, hanno raggiunto milioni di visualizzazioni da tutto il mondo. Secondo i suoi fan e chi ne ha già acquistati alcuni, le sue opere valgono migliaia di dollari e ricordano i capolavori impressionisti di Monet e Renoir.

La madre di Iris, Arabella Carter-Johnson, ha riferito alla Cnn che i soldi guadagnati dalla vendita dei dipinti della figlia vengono messi nel conto in banca della bambina. I ricavi delle stampe e delle copie delle opere, invece, vengono usati per pagare la terapia logopedica e le altre cure di cui Iris Grace ha bisogno.

L’autismo è un disturbo neuropsichiatrico le cui cause sono tuttora sconosciute. Le persone affette da autismo tendono ad avere forti limitazioni nella comunicazione verbale e una carenza di interesse nel relazionarsi con gli altri, ma al tempo stesso pongono una fortissima attenzione, talvolta quasi ossessiva, verso alcuni dettagli.

Per chi volesse approfondire il tema dell’autismo, consigliamo il libro di Gianluca Nicoletti, Alla fine qualcosa ci inventeremo. Che ne sarà di mio figlio autistico quando non sarò più al suo fianco, una storia fantastica ed emozionante, ma soprattutto informativa, di un padre e della sua vita vicino a Tommy, il figlio autistico che ha da poco compiuto sedici anni.

Nel caso di Iris Grace l’attenzione è focalizzata soprattutto sulle sue opere, che, per questa ragione, risultano essere realizzate nei minimi particolari con un’attenzione e una qualità incredibili per una bambina di solo cinque anni. Qui alcune immagini.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus