Me
Sei mesi di carcere e 91 frustate
Condividi su:

Sei mesi di carcere e 91 frustate

È la condanna, poi sospesa, che i giudici hanno emesso per sei ragazzi iraniani che hanno interpretato Happy di Pharrell Williams

08 Ott. 2014

Da qualche giorno circolano sul web le immagini dell’account Instagram Rich Kids of Teheran, che ritraggono i ragazzi della Teheran bene che fanno sfoggio, tra le altre cose, di auto e orologi costosi.

L’account è stato prontamente bloccato dalle autorità iraniane e non è la prima volta che il governo interferisce con aspetti anche frivoli della vita dei giovani nel Paese. 

A maggio sei ragazzi iraniani sono stati arrestati a Teheran per aver girato un video in cui ballavano sulle note di Happy, il tormentone di Pharrell Williams. Sono stati condannati a sei mesi di carcere e 91 frustate (un anno per la ragazza che ha messo online il video).

L’avvocato Farshid Rofurgaran ha raccontato al sito Iran Wire che la pena è stata sospesa: andrà quindi in prescrizione nel giro di tre anni, a meno che i ragazzi non compiano reati simili.

Il cantante Pharrel Williams ha protestato dal suo profilo Facebook, dicendo che è triste vedere dei ragazzi arrestati per aver cercato di diffondere la felicità.

I giovani, seguendo una moda che ha impazzato in tutto il mondo, avevano deciso di reinterpretare “Happy” esibendosi in una coreografia da loro ideata. Le autorità iraniane avevano però considerato il video volgare e dannoso alla decenza pubblica, anche perché le ragazze riprese non indossano il velo.

Il video iniziò comunque a girare in rete, raggiungendo quota 200 mila visualizzazioni. In difesa dei ragazzi venne lanciato l’hashtag #freehappyiranians.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus