Me
Le notizie di oggi
Condividi su:

Le notizie di oggi

Quelle che non leggerete sui vostri giornali

02 Ott. 2014

Le notizie che oggi non leggerete sui vostri giornali:

 

Argentina: la presidente parla di un piano Usa per farla fuori.

Tibet: polizia cinese apre il fuoco sugli abitanti di un villaggio che protestavano contro gli scavi di una miniera. Tredici feriti, tra cui una donna incinta.

Usa: uno studio rivela che i soldati che tornano dalle missioni non sono pronti a tornare alla vita civile. Il dipartimento di Stato approva una vendita di armi all’Arabia Saudita per 1,75 miliardi di dollari.

Hong Kong: Chieste dimissioni del capo del governo e suffragio universale, altrimenti i manifestanti minacciano di occupare gli edifici istituzionali. Per Businessweek, spie cinesi starebbero hackerando i cellulari dei manifestanti.

Casa Bianca: dopo alcune falle mostrare dalla sicurezza del Presidente Obama, la direttrice del Secret Service Julia Pierson ha rassegnato le proprie dimissioni.

Italia: oggi si vota alla Camera il decreto stadi, per cui gli straordinari delle forze dell’ordine impiegate nelle partite di calcio sarebbero pagati dalle società.

Ebola: negli Usa si cerca di capire come sia stato contagiato l’uomo affetto dal virus. Gli esperti dicono che viaggiare in aereo accanto a un malato di ebola non è sufficiente a essere contagiati.

Sierra Leone: 765 nuovi casi di ebola nell’ultima settimana.

Siria: 41 bambini muoiono in un attacco suicida. I peacekeeper filippini non torneranno nel Golan. La morte dei bambini avvenuta per un vaccino alcune settimane fa pare fosse un errore di una Ong.

Goldman Sachs: secondo Reuters starebbe investendo 66 milioni di dollari in una nuova società con l’obbiettivo di creare un’unica piattaforma centralizzata che gestisca le diverse vie di comunicazione digitale degli utenti.

Iraq: Isis decapita 9 combattenti curdi. Il premier avverte i Paesi arabi di non unirsi ai bombardamenti Usa. Ieri nel paese 175 morti e 75 feriti. Dieci villaggi riconquistati dalle forze di sicurezza irachene. Sono 26 i militari canadesi nel Paese come consiglieri.

Isis: oggi la Turchia voterà in parlamento se intervenire contro lo Stato Islamico.

Israele: pianifica la costruzione di 2.600 case per i coloni a Gerusalemme Est. Per la prima volta dal 2007, 500 persone di Gaza visiteranno Gerusalemme.

Afghanistan: doppio attentato suicida ad autobus dell’esercito, 7 morti. Al terzo giorno di lavoro Ghani alle prese con un caso di frode bancaria.

Regno Unito: ragazzine di 15 e 17 anni scappano per unirsi all’Isis dopo essere state radicalizzate on line.

Spagna: cinque militari a processo per aver picchiato detenuti iracheni quando erano in Iraq.

Francia: il governo non vuole adottare ulteriori misure di austerità. Per il 2017 ha previsto un deficit superiore del 3 per cento a quello attualmente consentito.

Germania: i titoli di stato per la prima volta scendono al di sotto dell’1 per cento di rendimento.

Messico: arrestato il signore della droga Hector Bertrand Leyva.

Giappone: la controversa legge sul segreto di stato entra in vigore dal 10 dicembre. Conseguenze per la libertà d’espressione e di stampa. Azienda farmaceutica svizzera Novartis sospetta 3878 casi di persone con gravi effetti collaterali derivati da un proprio farmaco. Inizia inchiesta in Giappone.

Corea del Sud: gli abitanti della provincia di Gangwon in una manifestazione dicono no al nucleare e alla nuova centrale da costruire.

Corea del Nord: all’assemblea ONU di New York ministro degli Esteri nordcoreano consegna a Ban Ki-moon, segretario generale Onu, lettera scritta a mano dal leader Kim Jong-un.

Taiwan: il presidnete Xi Jingping a dice a Taiwan che la riunificazione porterebbe alla fine degli antagonismi.

Vietnam: scrittore e attivista democratico da sei anni in prigione denuncia tentavi di corruzione da parte della polizia per aiutarli a creare fratture tra gli attivisti. 

– Zara: stringe un accordo per vendere prodotti attraverso Alibaba.

A cura di Barbara Schiavulli e Alessia Cerantola, ogni mattina le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint)

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus