Me
Cosa è successo oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

18 Set. 2014

Cosa è successo oggi nel mondo, senza giri di parole:

– Nigeria: polizia ed esercito hanno sistematicamente usato la tortura come mezzo di indagine contro donne, uomini e bambini, denuncia un report di Amnesty International.

– Isis: pensa a diffondere l’ebola in Usa e nelle altre nazioni coinvolte nella coalizione anti-Isis.

– Iran: “Quella che l’America sta mettendo insieme per combattere l’Isis è la coalizione dei pentiti, perché intorno al tavolo non c’è un solo Paese che non abbia contribuito in qualche modo a far nascere questo gruppo terroristico”, ha detto il ministro degli Esteri.

– Ebola: le morti accertate sono 2.622, i casi di contagio 5.335 (Reuters).

– Italia: il padre di Matteo Renzi, Tiziano Renzi, è indagato dalla procura di Genova per bancarotta fraudolenta.

– Le forze aeree statunitensi hanno cancellato l’obbligo di dire “che Dio mi aiuti” durante il giuramento (Air Force Times).

– Russia: un team della BBC è stato attaccato ad Astrakhan, nel sud del Paese. Stava indagando sull’uccisione di un soldato russo al confine con l’Ucraina (BBC).

– Isis: ha conquistato 16 città curde nel nord della Siria (Reuters).

– UEFA: ha deciso che la finale dell’edizione 2015/2016 di Champions League si giocherà a Milano, a San Siro.

– Hackers cinesi collegati al governo centrale hanno ripetutamente violato i sistemi informatici delle compagnie aeree statunitensi, delle compagnie tecnologiche e degli appaltatori coinvolti con l’esercito americano (Reuters).

Referendum Scozia: al via le votazioni per l’indipendenza della regione. Gli scozzesi devono rispondere alla domanda “Dovrebbe la Scozia essere uno Stato indipendente?”. Secondo gli ultimi sondaggi, i “No” sarebbero in leggero vantaggio (Segui il Live Blog in diretta).

– Australia: arrestate 15 persone sospettate di voler commettere una serie di azioni terroristiche per l’Isis, inclusa la decapitazione di civili. Si è trattata della più vasta operazione anti terrorismo nella storia del Paese e ha coinvolto più di 800 poliziotti (Ap).

– L’Isis ha in mano un altro ostaggio. Si tratta del giornalista britannico John Cantlie (leggi l’articolo).

– Francia: in conferenza stampa, il presidente Hollande ha dichiarato che l’aviazione colpirà solo l’Iraq e non ci saranno operazioni via terra. Inoltre, il governo installerà in Africa occidentale un ospedale militare per limitare l’espansione del virus ebola.

– Cina: una corte di giustizia ha condannato 4 persone a pene tra i 10 e i 20 anni per motivi legati al terrorismo (Afp). Intanto, 395 studenti sono rimasti intrappolati all’interno di una scuola a causa delle pesanti inondazioni che hanno colpito la provincia dello Yunnan (Cctv).

– Grecia: il tasso di disoccupazione è sceso al 26,6% (Bloomberg).

– Kuwait: arrestate diverse persone sospettate di volersi arruolare nelle milizie islamiche (Afp).

– Usa: la Camera ha votato a favore dell’armamento e dell’addestramento dei ribelli moderati siriani (Nbc News).

– Crisi ucraina: il presidente ucraino Poroshenko ha dichiarato: “Proprio come Israele, anche noi abbiamo il diritto di difenderci. Questa guerra non è solo dell’Ucraina, ma anche dell’Europa e dell’America”.

– La Warner Bros Entertainment taglierà tra i 900 e i 1.000 posti di lavoro a causa della pesante crisi che ha colpito l’azienda (Variety).

– Facebook ha riattivato gli account di centinaia di drag queen. Erano stati bloccati poiché al momento della registrazione non era stato inserito il nome legale (Abc).

– Siria: 3 mln di bambini non stanno andando a scuola a causa della guerra civile in corso (leggi l’articolo).

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint). Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

(A cura di Matteo Garavoglia, @MatteGaravoglia)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus