Me
Il primo giorno di scuola a Gaza
Condividi su:

Il primo giorno di scuola a Gaza

Più di 250 scuole danneggiate e circa 64mila rifugiati vivono ancora all'interno delle aule di venti istituti

15 Set. 2014

Almeno 500mila bambini sono tornati a scuola nella Striscia di Gaza ieri, domenica 14 settembre.

Molti di loro, prima di iniziare le lezioni, riceveranno attenzioni speciali e consulenza psicologica.

Questa iniziativa vuole aiutare i bambini a fare fronte ai traumi che la guerra ha inflitto loro.

La scuola è iniziata con diverse settimane di ritardo in seguito ai danni subiti da più di 250 scuole. Inoltre, circa 90 centri d’istruzione delle Nazioni Unite fungono ancora da rifugi per le decine di migliaia di sfollati.

“La priorità ora è fare in modo che gli studenti possano tornare al normale programma scolastico, che include anche un periodo di sostegno psicologico”, ha detto Pierre Krähenbühl, il capo dell’agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi (Unrwa), che gestisce più di 200 scuole nella Striscia.

L’Onu ha anche detto che l’Unrwa ha messo a disposizione 200 consiglieri per oltre 240mila studenti nella Striscia. Secondo l’agenzia dell’Onu, 64mila rifugiati sono ancora ospitati all’interno di 20 scuole di Gaza.

Il viceministro dell’istruzione della Striscia di Gaza, Zeyad Thabet, ha anche detto che 26 edifici scolastici sono stati distrutti e che 232 scuole sono state danneggiate dal conflitto.

Secondo Hamas, più di 2,100 persone sono state uccise, la maggioranza delle quali civili e circa un quarto (500) sarebbero bambini.

Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto lo scorso giovedì in cui accusa Israele di aver commesso crimini di guerra per aver attaccato tre scuole gestite dall’Unrwa, uccidendo 45 palestinesi fra cui 17 bambini.

Il governo israeliano si è rifiutato di commentare. I bambini in Israele sono tornati a scuola regolarmente, pur avendo anche loro passato le vacanze estive sotto la minaccia dei razzi di Hamas, e per questo anche loro avranno bisogno di un supporto psicologico speciale.

UN VIDEO DI AL JAZEERA

FOTO DEL PRIMO GIORNO DI SCUOLA A GAZA

VIDEO: LE MACERIE DI GAZA, VISTA DA UN DRONE


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus