Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Putin contro i polli americani

Scatta la ritorsione della Russia contro i Paesi occidentali. Stop alle importazioni alimentari da Europa, Australia e Stati Uniti

Immagine di copertina

Putin ha risposto alle sanzioni imposte alla Russia dai Paesi occidentali in seguito all’annessione della Crimea. E ha chiuso per un anno l’importazione dall’estero di alcuni prodotti alimentari.

I latticini ucraini, le mele polacche e il pollame americano non varcheranno più i confini del Paese.

È la prima volta che il presidente russo fa un riferimento esplicito alle sanzioni, sebbene alcuni prodotti non venissero importati già da un po’: fino a ieri, il blocco veniva giustificato da ragioni sanitarie.

Per non provocare un aumento dell’inflazione (attualmente superiore al 7 per cento), Putin ha ordinato un aumento della produzione locale corrispondente al costo dell’embargo.

La Russia importa più del 40 per cento dei suoi prodotti alimentari ed è il mercato più grande dell’esportazione di frutta e verdura provenienti dall’Europa. Per quanto riguarda l’Italia, vengono indicate: uva da vino, frutta e pasta.