Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Una vergogna mondiale

L'esercito israeliano ha bombardato una scuola dell'Onu a Gaza. L'attacco ha causato 15 vittime, tra cui molti bambini

Immagine di copertina

Il giorno più duro alla fine è arrivato. Non sono bastate 23 giornate di guerra, più di 1.300 vittime palestinesi e 2.670 missili lanciati su Israele per ottenere una reazione forte della comunità internazionale al conflitto in corso a Gaza.

Il bombardamento israeliano su una scuola dell’Onu, avvenuto il 30 luglio e che ha causato almeno 15 morti e più di 100 feriti, ha portato il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon a condannare l’attacco come “una vergogna mondiale che ha bisogno di giustizia”.

Pierre Krähenbühl, commissario generale dell’Onu per i rifugiati palestinesi, ha dichiarato che il bombardamento della scuola è stato “una seria violazione del diritto internazionale”.

L’attacco, avvenuto di mattina presto subito dopo la prima chiamata alla preghiera, ha colto impreparati i 3.300 rifugiati della struttura scolastica. Tra le vittime, molti bambini che stavano ancora dormendo.

“Queste persone sono molto arrabbiate”, ha commentato Khalil al-Halabi, ufficiale Onu nonché responsabile della scuola. “Se ne sono andate via dalle loro case e sono venute qui in cerca di protezione, non per essere bombardate”. Al momento, nella Striscia di Gaza ci sono più di 204mila palestinesi senza casa, divisi tra campi profughi, ospedali e strutture delle Nazioni Unite.

Questa non è la prima volta che l’esercito di difesa israeliano (Idf) attacca direttamente una scuola dell’Onu. In questo caso particolare, è stata fatta partire un’inchiesta interna. “Hamas ha fatto partire colpi di mortaio dai pressi della scuola e i soldati israeliani hanno risposto col fuoco”, queste le parole della portavoce dell’Idf a chi cercava una spiegazione tra le macerie della scuola.

(Una donna e una bambina palestinese portano un mazzo di fiori al cimitero di famiglia a Gaza. Photocredit: Reuters/Finbarr O’Reilly).

L’Onu ha già denunciato tre volte Hamas di avere nascosto armamenti e bombe nelle loro strutture, accusando il partito islamico di “corrompere la loro neutralità”. Nel frattempo, sono stati richiamati altri 16mila riservisti dell’Idf.

Mentre le Nazioni Unite sembrano avere rotto definitivamente i rapporti con il governo israeliano, i più importanti leader mondiali preferiscono mantenere un profilo basso. Barack Obama, per esempio, ha condannato a parole il bombardamento della scuola ma ha ribadito il diritto di Netanyahu a difendere il suo Paese.

Tra chi invece ha deciso di andare contro l’offensiva israeliana ci sono la Turchia e l’Iran, che hanno accusato Israele di commettere un “genocidio”, mentre Bolivia, Perù, El Salvador e Cile hanno ritirato i loro diplomatici dallo stato ebraico.