Me
Il consumo di alcol nel mondo
Condividi su:

Il consumo di alcol nel mondo

Una mappa interattiva illustra quali sono gli alcolici più bevuti, paese per paese

17 Lug. 2014

La Russia e i Paesi dell’ex blocco sovietico sono quelli dove si consuma annualmente più alcol per persona. E tra questi troviamo anche il Portogallo.

L’Italia si colloca in una fascia mediana, consumando tra i 5 e i 7,5 litri di alcol a persona, in compagnia di Paesi come Costa d’Avorio, Colombia e Cina. Oltre ai dati sul consumo globale di alcol, in questa mappa interattiva potete vedere dove birra, vino e superalcolici sono le bevande più in voga.

GIOCA CON LA MAPPA INTERATTIVA

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Italia non è tra i Paesi dove si consuma più alcol in Europa. Peggio di noi quasi tutto il nord del vecchio continente: il Regno Unito, la Francia e la Spagna. Tuttavia, il dato sul consumo di alcol è calcolato sulla percentuale di gradazione alcolica per litro. Il fatto che in Italia il consumo di vino sia prevalente la penalizza nella classifica sul consumo generale.

La birra è la bevanda più consumata nella maggior parte dei Paesi del mondo. Di gran lunga prevalente nell’Europa centrale e nei paesi di cultura anglosassone, la birra è la preferita anche in una larga fetta del Sud America e dell’Africa. Il consumo di vino si concentra maggiormente in Europa (in Francia, Italia e Svizzera), in Argentina, Cile e in Nigeria.

In Asia è preponderante l’uso (talvolta abuso) di superalcolici. Russia, Cina, India e gran parte del continente preferiscono alcolici forti. A sorpresa i superalcolici sono l’alcolico più consumato anche in Arabia Saudita e Madagascar. In gran parte dell’Africa sono invece molto diffusi alcolici tradizionali locali.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus