Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il boom del calcio tedesco

La Germania è alla quarta semifinale mondiale consecutiva. Il segreto della rinascita tra investimenti, integrazione e giovani.

Immagine di copertina

“Il calcio è un gioco semplice: si gioca undici contro undici, e alla fine vincono i tedeschi”. Questo famoso aforisma di Gary Lineker torna oggi prepotentemente di attualità.

La Germania arriva in una semifinale mondiale per la quarta volta di fila grazie alla lungimirante pianificazione e ristrutturazione del sistema calcio dopo il fallimento del 1998 e di Euro 2000, quando la nazionale tedesca chiuse mestamente il girone con un solo punto.

Oggi la Bundesliga è comunemente riconosciuta come uno dei principali campionati europei e il suo coefficiente UEFA ha sorpassato quello del nostro campionato. Gli illuminati dirigenti della Deutscher Fußball-Bund hanno deciso di mettere al centro dell’attenzione gli stadi, la partecipazione attiva del pubblico e gli investimenti nel settore giovanile, compresa quell’integrazione con i tedeschi di nuova generazione che ha portato la nazionale a essere ricca di calciatori naturalizzati.

Le squadre italiane dipendono economicamente dai proventi dei diritti televisivi, mentre le società tedesche puntano su modelli di business legati ai biglietti e ai ricavi commerciali, sintomo di un sistema capace di generare spettacolo, come ormai in Italia non si riesce a fare più (media presenze allo stadio in serie A è di circa 22.500, mentre in Germania è di 43.500, dati del ReportCalcio2014).

E quindi ecco che i migliori tra allenatori e giocatori scelgono la terra tedesca, come hanno fatto Guardiola e Robben e come stanno facendo anche alcuni dei più forti giovani italiani: Giulio Donati al Bayer Leverkusen, Luca Caldirola al Werder Brema e soprattutto Ciro Immobile al Borussia Dortmund.

Proprio il Borussia è la principale espressione di questa rinascita del calcio tedesco, una fucina di giovani giocatori capaci di impressionare l’Europa e di ottenere in poco tempo due Meisterschale consecutivi e una finale di Champions League persa contro i connazionali del Bayern Monaco: risultati insperabili solo qualche anno prima, quando la squadra era sull’orlo del fallimento e costretta a mettere in vendita lo stadio.

Il sistema gode di ottima salute, come testimoniano le quattro semifinali consecutive ai mondiali, e sono in tanti gli esperti convinti che la Germania meriterebbe per questi motivi di tornare a sollevare la coppa dopo i successi del 1954, 1974 e 1990. La nazionale di oggi, però, è molto diversa da quelle vincenti in passato.

Sono ben sei i giocatori che hanno origini straniere e, tra questi, due fenomeni come Miroslav Klose e Lucas Podolski sono addirittura nati nella vicina Polonia. Gli altri, come Khedira, Boateng, il sampdoriano Mustafi e Oezil hanno genitori nati tra Tunisia, Ghana, Albania e Turchia, e poi immigrati in Germania.

Il sistema italiano, che in questi giorni sta conoscendo programmi e prospettive di cambiamento, è intenzionato a prendere esempio dai tedeschi. La priorità è quella di riportare la gente allo stadio, offrendo strutture comode e all’avanguardia, come l’Allianz Arena di Monaco o la Veltins Arena di Gelsenkirchen, casa dello Shalke 04.

Da noi il lavoro sull’integrazione e sui giovani è stato ben avviato, come testimoniano Balotelli, Ogbonna ed El Sharaawy, anche se la piaga del razzismo è ancora presente. Nel calcio come nell’economia, l’Italia è ancora una volta chiamata a colmare lo spread che la separa dalla Germania.