Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Da Kabul a Hollywood

La storia del ragazzo di strada di Kabul che ha recitato in un cortometraggio americano

Immagine di copertina

Fawad Mohammadi è un 14enne afghano che per sopravvivere e sostenere la sua famiglia vendeva mappe agli stranieri di passaggio nella famosa Chicken Street di Kabul. Ora andrà in California grazie al regista statunitense Sam French.

Mohammadi è uno dei personaggi principali di ‘Buzkashi Boys’, cortometraggio interamente girato in Afghanistan e nominato come Miglior Film nella sezione Live Action Short agli Oscar il 24 febbraio scorso.

L’obiettivo del film è quello di aiutare il rilancio dell’industria cinematografica afghana devastata da decenni di guerra civile e dal regime talebano, che tra 1996 e 2001 ha vietato i film di intrattenimento.

Sam French, che ha vissuto in Afghanistan per circa due anni, ha detto che il suo cortometraggio di 28 minuti è stato inizialmente concepito come un modo per formare professionalmente i lavoratori locali del settore cinematografico, primo punto del suo non-profit Afghan Film Project.

Il corto parla di due giovani che crescono a Kabul e che sognano di diventare cavalieri Buzkashi, sport nazionale e versione selvaggia del polo, dove si utilizza la carcassa di una capra senza testa al posto di una palla.

Qui il trailer del film.