Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Vittime dell’inquinamento

In tutto il mondo una morte su otto è legata all'inquinamento atmosferico, divenuto il più grande rischio ambientale al mondo

Immagine di copertina

Sono 7 milioni le persone che ogni anno muoiono per colpa dell’inquinamento atmosferico. A rivelarlo è il nuovo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) pubblicato ieri. Le regioni più colpite sono i paesi in via di sviluppo e in particolare il Sudest asiatico e il Pacifico occidentale, che complessivamente contano 5,9 milioni di decessi registrati nel 2012. In Europa i morti ogni anno sarebbero 99 mila e in America 81 mila.Nel precedente rapporto, risalente al 2008, l’Oms aveva indicato che le vittime dell’inquinamento atmosferico erano 3,2 milioni. Il numero nel 2012 è invece raddoppiato, e ciò è dovuto in parte anche al miglioramento dei metodi e delle tecniche di analisi che attualmente sono più accurati e hanno consentito di ottenere informazioni più complete.

In oltre la metà dei casi la causa sarebbe il fumo prodotto da fornelli e dalle stufe di casa. Secondo le stime dell’Oms, infatti, circa 3 miliardi di persone nel mondo si affidano a combustibili come carbone e legno per la cottura del cibo. In India, il 63 per cento della popolazione utilizza tali combustibili solidi per cucinare, ma essi producono inquinanti nocivi quali polveri sottili e monossido di carbonio. L’inquinamento dell’aria esterna uccide invece circa 3,7 milioni di persone l’anno e oltre l’80 per cento dei decessi si verificano nei paesi a basso e medio reddito. Le fonti di inquinamento ambientale comprendono i motori diesel e le emissioni industriali.

I dati rivelano che l’inquinamento atmosferico è spesso connesso a malattie respiratorie, come infezioni o ostruzioni croniche polmonari, ma anche cardiache, infarti e ischemie miocardiche. Nel 2013 l’International agency for research on cancer, l’agenzia dell’Oms che valuta la cancerogenicità degli agenti chimici e fisici, ha riconosciuto l’inquinamento atmosferico come cancerogeno. “Pochi rischi oggi hanno un maggiore impatto sulla salute globale dell’inquinamento atmosferico: i dati segnalano la necessità di un’azione concertata per ripulire l’aria che respiriamo”, ha affermato nella relazione Maria Neira, direttrice del dipartimento dell’Oms per la Salute pubblica, ambientale e sociale determinante per la salute.

“La crisi dell’inquinamento atmosferico non è arrivata all’improvviso, e le soluzioni non si troveranno all’improvviso,” ha detto Shin Young-soo, direttore regionale dell’Oms per il Pacifico occidentale, “La salute ambientale in generale è una questione complessa, che va di pari passo con l’urbanizzazione, lo sviluppo economico e di tanti altri fattori. Ma è ovvio che questa crisi – ed è una crisi – non può più essere ignorata”.