Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il dato del giorno

Sulle vicende di Crimea

Il dato del giorno è una percentuale. Di segno negativo. -10%.

Per anni in maniera del tutto strumentale (almeno da parte di chi aveva interessi concreti sul campo) si parlava di un’Europa e di una comunità internazionale che non poteva prescindere dalla Russia. Per motivi economici, commerciali, energetici. Da qui la lungimirante politica tesa a far apparire Vladimir Putin un amico. Non bisogna far arrabbiare i russi, si diceva. Meglio tenerseli amici.

Peccato che questo ragionamento oltre ad essere, come il 90% delle cose che vengono dette nel nostro paese, del tutto ipocrita fosse anche profondamente sbagliato. O almeno assolutamente incompleto.

Perché è vero che Mosca in pochi minuti è in grado di causare decessi nell’est Europa a causa del gelo a seconda della sua volontà. Ma è anche vero che in un mondo sempre più interdipendente e multipolare se è vero che gli Usa non sono più la grande potenza egemone, è anche vero che non sono ancora un paese sottosviluppato.

Un ragionamento che hanno perfettamente compresi i membri della nomenclatura cinese (noi dipendiamo dagli Usa, ma a sua volta gli Usa dipendono da noi a causa del loro debito pubblico che acquistiamo portando i loro tassi di interessi ad un livello medio-basso) a quanto pare non riesce a far breccia in Europa.

Una Russia isolata non va da nessuna parte. Anzi. Risulta avere dei deficit strutturali (un dato su tutti: età media della popolazione) del tutto vulnerabili. E oggi la borsa di Mosca ha perso il 10%.

Se anziché sostenere per gli interessi di pochi che bisogna far fare all’orso russo, ci fossimo messi a fare politica in tutti questi anni nessuna cancelleria del mondo si permetterebbe di inviare le proprie truppe all’interno di un altro stato sovrano. A maggior ragione quella che risulta essere la più grande minaccia etica e diplomatica nel campo delle relazioni diplomatiche della nuova era.

Se qualcuno dalle parti del Cremlino ha agito in questo è perché qualcuno, in Europa e in America, col suo atteggiamento gli ha fatto credere ciò. Bel risultato. Applausi.