Me

Abusi contro le detenute

Un rapporto di Human Right Watch denuncia le violenze subite da migliaia di donne detenute illegalmente nelle prigioni irachene

Immagine di copertina

Più di quattromilacinquecento donne in Iraq sono detenute illegalmente e molte di loro sono sottoposte a torture e abusi. L’organizzazione umanitaria Human Rights Watch ha pubblicato le loro testimonianze in un rapporto spaventoso sul sistema di giustizia iracheno.

Il documento svela che molte donne sono detenute per mesi o addirittura anni senza un capo di accusa contro di loro e senza alcun processo. Human Rights Watch ha intervistato 27 donne e ragazze detenute, ha parlato con i loro avvocati, le loro famiglie e coloro che forniscono servizi sanitari nelle carceri. Molte delle donne intervistate hanno dichiarato di essere state picchiate, prese a calci e schiaffi, appese a testa in giù, di aver subito elettroshock o di essere state violentate o minacciate di violenza sessuale da parte delle forze di sicurezza durante il loro interrogatorio. La maggior parte loro appartiene alla minoranza sunnita, ma gli abusi riguardano donne di ogni gruppo e classe sociale.

Le forze di sicurezza le hanno sottoposte a interrogatori circa le attività dei loro parenti maschi piuttosto che sui reati in cui esse erano implicate. Poi gli agenti le hanno costrette a firmare dichiarazioni che non erano autorizzate a leggere e che loro hanno poi disconosciuto in tribunale. Contrariamente alla legge irachena, inoltre, la maggior parte delle prigioniere non ha avuto accesso a un avvocato prima o durante l’interrogatorio.

Il governo iracheno ha definito le affermazioni contenute nel rapporto “esagerate”, ma ha ammesso che un certo numero di detenute siano state maltrattate. “Abbiamo registrato alcuni comportamenti illeciti limitati che sono stati praticati dalle forze di sicurezza contro le donne prigioniere”, ha detto un portavoce del ministero dei diritti umani alla Bbc. “L’Iraq sta ancora lavorando per porre fine agli abusi in prigione”, ha dichiarato, aggiungendo che i responsabili pagheranno.

“Le forze di sicurezza irachene e i funzionari del governo si comportano come se gli abusi brutali sulle donne renderanno il paese più sicuro”, ha detto Joe Stork, vicedirettore di HRW per il medio oriente e il nordafrica. “Sia gli uomini che le donne soffrono per i gravi difetti del sistema di giustizia penale. Ma le donne portano un peso doppio a causa del loro status di seconda classe nella società irachena”.

Alla fine del 2012, i sunniti sono scesi in piazza chiedendo il rilascio delle donne detenute senza accusa, ma il primo ministro Nuri al-Maliki non ha portato a termine le riforme promesse sul sistema di giustizia penale. Da allora, più di mille persone sono state uccise in tutto l’Iraq, secondo Iraq Body Count, che conta le vittime civili dall’invasione degli Usa nel 2003. L’esercito iracheno sta preparando adesso un possibile attacco via terra per riprendere Falluja.