Me

Il mondo questa settimana

Uno sguardo agli eventi più importanti degli ultimi sette giorni

Immagine di copertina

La notizia della morte di 3 manifestanti nella notte di martedì ha riacceso le proteste a Kiev, Ucraina [Leggi l’articolo e guarda la gallery].

Samantha Cristoforetti sarà la prima astronauta italiana a entrare nella Stazione Spaziale Internazionale [Leggi l’articolo].

Un gruppo militare islamico ha rivendicato in un video i due attentati di Volgograd, in Russia, minacciando di colpire i Giochi olimpici invernali di Sochi [Leggi l’articolo].

La costa orientale degli Stati Uniti è stata colpita da una imponente tempesta di neve – la seconda quest’anno – e da freddo pungente. Intanto, in Texas, l’esecuzione di un uomo messicano accusato di omicidio ha avuto luogo tra forti polemiche internazionali. Il presidente boliviano Evo Morales ha annunciato il progetto di realizzare il primo reattore nucleare del Paese. La Federazione Cilena di Football ha vietato l’utilizzo della divisa di una squadra chiamata “Palestino”, che utilizzava al posto del numero 1 un’immagine della Palestina prima della creazione di Israele.

In India, 13 uomini sono stati arrestati perchè coinvolti nello stupro di una ventenne su ordine di una informale “corte locale”, come punizione per una relazione non approvata dagli anziani del paese.

La Corea del Nord ha inviato una “lettera di riconciliazione” alla Corea del Sud per chiedere la fine degli “atti militari ostili”, a poche settimane da un’esercitazione militare congiunta della Corea del Sud con gli Stati Uniti [Leggi l’articolo].

Durante una conferenza stampa con i giornalisti del World Economic Forum a Davos, il primo ministro giapponese ha paragonato le tensioni attuali tra Cina e Giappone a quelle tra Gran Bretagna e Germania alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale [Leggi l’articolo].

Tre esplosioni hanno colpito il Cairo, capitale egiziana, causando 5 morti e circa 50 feriti. Il gruppo di militanti Ansar Beit al-Maqdis (Campioni di Gerusalemme), ispirato ad Al Qaeda, ha rivendicato il primo attentato. Le autorità attribuiscono la responsabilità degli episodi alla Fratellanza Musulmana [Leggi l’articolo].

Il parlamento marocchino ha abolito all’unanimità la disposizione del codice penale che impediva di processare i colpevoli di stupro su minori se questi sposavano le loro vittime [Leggi l’articolo].

Il Segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha invitato l’Iran a partecipare ai colloqui di pace sulla Siria a Ginevra. L’invito è stato ritirato poco dopo, a causa della minaccia di boicottaggio dell’opposizione siriana e delle pressioni degli Stati Uniti. A pochi giorni dai negoziati, un rapporto pubblicato dal Guardian e dalla Cnn in un’esclusiva congiunta ha messo in luce le torture e le uccisioni sistematiche di circa 11 mila detenuti siriani tra marzo 2011 e agosto 2013 da parte del regime di Assad [Leggi l’articolo]. La conferenza di pace, soprannominata “Ginevra II”, si è aperta mercoledì a Montreux, in Svizzera: le delegazioni della Coalizione nazionale siriana (Cns) e del governo di Assad siederanno allo stesso tavolo per discutere sul futuro del Paese [Leggi l’articolo]. I due fronti partono da posizioni diametralmente opposte: la rimozione del governo presieduto da Bashar Al Assad è la condizione fondamentale posta dalla Coalizione Nazionale per proseguire nella discussione [Leggi l’articolo].

Il parlamento della Repubblica Centrafricana ha nominato Catherine Samba-Panza premier ad interim, prima donna a rivestire questa carica nella storia del Paese. Samba-Panza ha prestato giuramento e ha fatto appello per un cessate il fuoco nella capitale.