Me

Softpower o propaganda su ghiaccio?

Il video di Putin e Lukashenko in un match di hockey che rafforza l'immagine sportiva dello "zar" e i rapporti con la Bielorussia

Nei giorni scorsi Putin si è recato a Sochi per un personale sopralluogo in vista dei Giochi Olimpici di Sochi 2014. Un evento sul quale la politica russa ha voluto fortemente investire e che “A tutto campo” cercherà di seguire al meglio, così come avvenuto in passato anche per le Olimpiadi di Londra.

Nel corso della visita, Putin ha trovato anche il tempo di disputare, nel nuovissimo Bolshoi Ice Dome, un incontro con “vecchie glorie” del calibro di Pavel Bure, Irek Gimayev, Alexander Golikov, Alexei Gusarov, Andrei Kovalenko, Alexander Kozhevnikov, Sergei Makarov, Alexander Mogilny, Vyacheslav Fetisov e Alexander Yakushev. Il Presidente russo poteva anche contare sul Ministro della difesa, Sergei Shoigu, il probabile prossimo futuro sindaco di Mosca, Vladimir Kozhin, e soprattutto il Presidente Bielorusso, Alexander Lukashenko.

Non è la prima volta che Putin indossava i pattini per giocare a hockey né che veniva immortalato dai media amici nell’atto di svolgere attività sportiva. Più impacciato è apparso invece Lukashenko, la cui presenza sul ghiaccio di Sochi non è affatto casuale. Il Presidente bielorusso infatti sarà il padrone di casa per ospitare i Mondiali di hockey su ghiaccio nel prossimo maggio, un’edizione per la quale si preannunciano possibili boicottaggi. 

Guardando le immagini dell’incontro può venire da sorridere per il trattamento di velluto riservato ai politici sul ghiaccio, tuttavia con una semplice partita di hockey il Presidente russo ha rafforzato la propria immagine di sportivo e (grazie soprattutto ai successivi colloqui) ha stretto ulteriormente i rapporti di amicizia con la Bielorussia, Paese il cui ruolo geopolitico è di vitale importanza per Mosca.

Potete trovare un bel racconto della partita su Dinamo Babel.

Per approfondire gli intrecci geopolici e sportivi in vista dei Giochi di Sochi 2014 si consiglia invece l’ebookLa Russia di Sochi” (in uscita), fatto dal gruppo (Progetto Sochi) in uscita dal 17 gennaio.