Me

Le migliori serie tv del 2013

Ecco la classifica delle 10 migliori serie tv dell'anno secondo Time

Immagine di copertina

Vince la nevrotica Laura Dern di “Enlightened”, ma tengono duro vecchie glorie come “Mad Men” e “Games of Thrones”, e c’è posto anche per la serie d’animazione “Bob’s Burgers”. La classifica delle migliori serie televisive del 2013 secondo TIME.

10- Orphan Black – Uno scambio di persona, una manciata di cloni (tutti interpretati dall’attrice canadese Tatiana Maslany) e una sinistra cospirazione. Questi gli ingredienti di una serie ancora inedita in Italia, che TIME definisce “elegante, incalzante, tesa e tortuosa”.

9-Mad Men – Giunto alla sesta stagione, il serial ambientato nell’America degli anni Sessanta mostra la corda, anche perché l’arco narrativo è ormai arrivato al 1968 e volge naturalmente al termine. Tuttavia, secondo TIME, “riesce a essere ancora la serie più genuinamente sorprendente della tv: a ogni episodio s’inizia senza avere idea di dove si sarà arrivati un’ora dopo”.

8- The Americans – Prodotta dalla FX, la serie racconta di due agenti del KGB che vivono sotto copertura in un tranquillo sobborgo della Virginia. “Le identità sono false, ma le emozioni sono vere,” ha commentato TIME.

7-Rectify– Trasmesso da Sundance, segue la vicenda di un uomo che esce dal carcere dopo 19 anni. Per TIME, “questa malinconica serie non racconta soltanto il crimine, ma anche le sue infinite ripercussioni”.

6-Bob’s Burgers– La fortunata serie animata della Fox si inserisce nel prolifico filone delle “famiglie bizzarre”, di cui i capostipiti indiscussi sono i Simpson. Per TIME, Bob’s Burgers è la tipica formula Fox al suo meglio : “la storia di una famiglia (che gestisce una rivendita di hamburger) resa universale proprio dalle sue eccentricità. Originale e divertente.”

5-The Good Wife– Un legal dramache nell’ultima stagione, la quinta, ha mandato all’aria l’intera struttura narrativa costruita negli anni precedenti, facendo allontanare la protagonista Alicia Florrick (interpretata da Julianna Margulies) dallo studio legale in cui lavorava. Il risultato è stato un’appassionante guerra di tutti contro tutti in cui a vincere, spiega TIME “è il pubblico”.

4- Game of Thrones– Sarà anche fantasy, ma le austere atmosfere tolkieniane sono lontane: violenza, tradimenti e sesso sono i segni distintivi di questa serie, giunta alla terza stagione, che ruota attorno a una lotta per il potere nei fittizi continenti di Westeros ed Essros. Secondo TIME, la serie ”è il migliore programma televisivo che parla di politica e potere: la battaglia fra varie fazioni per conquistare il trono di Westeros è divenuta una complessa indagine sul potere e sulla leadership”.

3- Orange is the New Black– Sta spopolando sulla piattaforma online Netflix, e ci porta nei meandri di una prigione. La storia della giovane protagonista Piper Chapman (Taylor Schilling) , per TIME, si evolve in “una ricca, tragicamente divertente collezione di storie su una complessa società carceraria”.

2-Breaking Bad– Giunta alla stagione conclusiva, la serie dominata dalla carismatica figura del produttore di metamfetamina Walter White , ha fatto calare il sipario nel migliore dei modi possibili. “Come lo scintillante sole del deserto, la conclusione dello show ha gettato una luce impietosa su i misfatti di Walter e le loro conseguenze”.

1-Enlightened– In questa serie HBO, arrivata alla seconda e ultima stagione, Laura Dern è Amy Jellicoe una donna che dopo un esaurimento nervosa prova a cambiare vita, e denunciando le magagne della compagnia per cui lavora. Il TIME la definisce: “in parte drammatica in parte comica; in parte satirica, in parte realistica; in parte studio psicologico di un personaggio, in parte storia di attualità sui whistle-blower. Ma ha funzionato sempre.”