Me

Liberi su cauzione

Tre attivisti di Greenpeace sono stati rilasciati su decisione di una corte russa

Immagine di copertina

Tre dei trenta attivisti di Greenpeace arrestati in Russia sono stati liberati su cauzione. Una corte ha stabilito che il medico Yekaterina Zaspa, il fotografo Denis Sinyakov e Andrei Allakhverdov dovranno pagare una pesante multa ma potranno tornare in libertà. La detenzione degli altri 27 attivisti, invece, durerà fino al 24 novembre. Poco dopo è arrivata da San Pietroburgo la notizia che anche l’italiano Cristian D’Alessandro sarà presto libero su cauzione.

Gli attivisti di Greenpeace erano stati arrestati per aver protestato contro la trivellazione nell’Artico; avevano cercato di scalare la piattaforma petrolifera russa Prirazlomnaya, essenziale per lo sfruttamento delle risorse energetiche artiche. In caso di condanna da parte del tribunale, gli attivisti rischiano fino a sette anni di carcere per atti di teppismo.

Preoccupazione per il caso è stata espressa al presidente russo Vladimir Putin dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, mentre diverse personalità di fama mondiale, tra cui Paul McCartney, hanno dimostrato la loro solidarietà all’associazione ambientalista Greenpeace.