Me

I vantaggi del voto immediato

Gli italiani chiedono cambiamenti e rimandare le elezioni peggiora soltanto le cose. L'opinione di Bill Emmott sul Financial Times

Immagine di copertina

Dopo le dimissioni dei ministri del Pdl dal governo Letta, l’Italia rischia di andare a votare per la seconda volta in un anno.

Nuove elezioni comporterebbero instabilità e preoccupazione per i mercati, ma secondo l’opinione di Bill Emmott, pubblicata in un articolo del Financial Times, tale soluzione è da riconsiderare.

Secondo Emmott, l’incertezza nella politica italiana causata dalle dimissioni dei ministri segue la precedente certezza che il governo fosse bloccato in un limbo: infatti, il governo Letta ha arrancato sin da quando è stata formata la grande coalizione ad aprile, ma è stato del tutto paralizzato da quando Silvio Berlusconi è stato condannato in via definitiva il primo di agosto.

L’ex primo ministro avrebbe potuto, secondo il giornalista, agire come un nobile martire e dichiararsi innocente accettando però di scontare la pena per il bene dell’Italia. “Invece”, scrive Emmott, ” ha scelto di sfidare tutte le istituzioni politiche del Paese: il diritto della magistratura di condannarlo, il diritto del Parlamento di espellerlo sotto la recente legge che vieta ai condannati di mantenere il loro seggio, il diritto del governo di portare a termine il suo incarico e anche il desiderio del capo dello Stato di proteggere la Costituzione. Il risultato è la paralisi.”

“Un governo paralizzato, anche se guidato da un uomo abile come Enrico Letta, è peggio di non avere un governo”, scrive Emmott. L’Italia ha bisogno di riforme urgenti per risanare l’economia, e l’unica chance di introdurre tali riforme, per il giornalista, consiste nel chiamare il Paese a nuove elezioni: se è vero che i sondaggi riportati dai media registrano che i voti degli italiani porterebbero nuovamente a un punto morto, è pur vero che come le elezioni di febbraio anche le nuove votazioni potrebbero sorprenderci.

“È tutto da giocare”, scrive Emmott nel suo commento, “purché la classe politica sia pronta a imparare la lezione dello scorso febbraio”. Questa secondo il giornalista consiste prima di tutto nella consapevolezza che lasciare a Berlusconi il centro delle attenzioni andrebbe esclusivamente a suo beneficio. Seconda e più importante lezione è che gli italiani anelano il cambiamento, e se i partiti politici non sono stati in grado di capirlo a febbraio, è tempo che lo facciano adesso.

Per il giornalista, il futuro dell’euro-zona si gioca su una gara tra le riforme strutturali richieste dalla Germania ai Paesi in crisi e la perdita da parte degli elettori europei della pazienza necessaria per seguire questo difficile percorso. “In Italia le riforme sono appena iniziate e gli elettori hanno già perso la pazienza con i loro leader”, scrive Emmott, “rimandare le elezioni peggiorerà solo la situazione.”

Campagna regione lazio