Me

Il Venezuela caccia l’America

Il presidente Nicolas Maduro accusa tre diplomatici statunitensi di sabotaggio dell'economia venezuelana

Immagine di copertina

“Yankees, andate a casa!” Così il presidente venezuelano Nicolas Maduro si è rivolto ai tre diplomatici statunitensi accusati di voler sabotare l’economia del Venezuela.

Kelly Keiderling, David Moo e Elizabeth Hoffman, diplomatici degli Stati Uniti a Caracas, dovranno lasciare il Venezuela entro quarantott’ore, ha ordinato il presidente Maduro durante una cerimonia ufficiale a Santa Ana.

Il Venezuela sta vivendo una fase di scarsità di molti generi alimentari, tra cui anche zucchero e farina. Secondo Nicolas Maduro, durante il mese di settembre i tre ambasciatori hanno preso parte a un sabotaggio, corrompendo le società venezuelane e convincendole a ridurre la produzione.

“Noi rifiutiamo categoricamente le accuse del governo venezuelano di un coinvolgimento degli Stati Uniti in qualsiasi tipo di complotto per destabilizzare il Venezuela”, ha risposto l’ambasciata statunitense. Inoltre, ha detto, non è stata ancora ricevuta nessuna richiesta formale di espulsione.