Me

Soccorsi in alto mare

La capitaneria di porto ha soccorso un'imbarcazione diretta a Lampedusa

Immagine di copertina

Ancora sbarchi nella notte a Lampedusa. Un gommone con a bordo 85 migranti provenienti da Etiopia, Eritrea, Somalia, Nigeria e Pakistan ha trovato soccorso grazie al tempestivo intervento della Marina Militare. L’imbarcazione, trovandosi in difficoltà a 75 miglia a sud dell’isola, è riuscita a lanciare l’allarme servendosi di un telefono satellitare. Il segnale è stato prontamente ricevuto dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto che ha inoltrato la richiesta di soccorso alla Nave Sirio, unità di pattugliamento del Canale di Sicilia della Marina Militare.

Le autorità navali si sono servite di un elicottero per individuare la posizione del gommone e prestare i primi soccorsi ai passeggeri.

Malgrado il sovraffollamento dell’imbarcazione e le cattive condizioni di galleggiabilità, gli 85 migranti sono tutti in buone condizioni di salute, ha assicurato il capitano di fregata Emanuele Di Franco, comandante della Nave Sirio, che ha coordinato le operazioni di recupero.