Me
Confederations Cup nella bufera
Condividi su:

Confederations Cup nella bufera

Dal Movimento Sem Terra alle rivolte per il caro-biglietti. I video di un Brasile in cui non regna certo la pace sociale

14 Giu. 2013

A poche ore dal via della Confederations Cup il Brasile del miracolo economico non può nascondere le sue contraddizioni. 

Brasilia: Manifestazione del movimento Sem Terra davanti allo Estádio Nacional Mané Garrincha di Brasilia che inaugurerà la competizione

VIDEO

São Paulo: Nella città paulista le proteste per l’aumento dei biglietti dei trasporti pubblici sono state represse con particolare violenza dalla polizia. Pur non ospitando la Confederations Cup, São Paulo si sta preparando per i Mondiali del 2014. A detta delle immagini sono in molti che avrebbero preferito investimenti in servizi sociali piuttosto che in Circenses.

VIDEO VIDEO

In alto il video dei fischi a Blatter e soprattutto a Dilma durante la cerimonia d’inaugurazione 

Domenica 16 ore 23.20: il link per la diretta delle proteste davanti al Maracana.  

 http://esportes.terra.com.br/futebol/copa-das-confederacoes/ao-vivo/13554/?home

Lunedì 17 ore 9.00: un altro video delle proteste di ieri. 

VIDEO

Ore 11.30: altri video delle proteste e delle repressioni di ieri

VIDEO

VIDEO

Martedì 18 ore 9.00: Massicce manifestazioninei pressi dello stadio Mineirão

LINK

Parlano i calciatori-politici:Le dichiarazioni filogovernativi di Pelé e Ronaldo, quelle d’opposizione di Romario e un’interessante presa di posizione dell’argentino (ex Juventus, Lazio e Cruzeiro) Sorin.

Pelé: VIDEO

Ronaldo: VIDEO

Romario: VIDEO

Sorin: VIDEO

Neymar solidale con chi manifesta: LINK

#changebrazil: il bel servizio di Al Jazeera in inglese VIDEO

21 giugno: Spagna – Thaiti 10-0, lo spettacolo è sugli spalti: lo stadio canta “O povo unido, jamais será vencido!” VIDEO

21 giugno: ucciso un manifestante LINK

In aggiornamento… 

(se siete a conoscenza di altri episodi segnalateci i video a n.sbetti@gmail.com)

si ringrazia Fred Scarelli per la collaborazione

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus