Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“Voglio bene a quelle tartarughe”

Jairo Moria ucciso in Costa Rica perché salvava le tartarughe

Immagine di copertina

Aveva 26 anni e salvava le tartarughe in Costa Rica, studiava biologia tropicale e lavorava per la Ong “Widecast“. È stato sequestrato e ucciso una settimana fa. Alla mamma, che preoccupata per le minacce, gli aveva chiesto di smettere e di non rischiare così tanto aveva risposto: “Vecchia, voglio bene a quelle tartarughe quanto amo te, sai?“. Jairo Moria era così, andava lungo le spiagge nel cuore della notte perché è in quel momento che le tartarughe arrivano per depositare le uova.

Tartarughe giganti che superano i 300 chili, animali in via di estinzione di cui i trafficanti senza scrupoli rubano le uova per venderle e farne fantomatiche pozioni magiche.

Mi immagino Jairo che nel cuore della notte raggiunge la spiaggia, illuminato da una bellissima luna piena. Vedo i suoi occhi sopresi e appagati dalla vista di queste meravigliose tartarughe giganti. Il cuore libero e leggero di chi fa qualcosa controcorrente che rende il mondo migliore esprimendo la sua passione. Voglio pensare a Jairo così.

Il gruppo ecologista “Sea Shepherd” ha messo una taglia sugli assassini di Jairo Moria, il paladino delle tartarughe.