Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Lubitsch Touch

Nelle sale torna il capolavoro del 1942 "To Be or Not To Be"

Se potessi viaggiare nel tempo, andrei al concerto di Freddy Mercury a Wembley e vorrei conoscere Ernst Lubitsch.

Billy Wilder raccontava che al suo funerale portò in spalla la bara e uscendo dal cimitero disse a William Wyler: “Ma che tristezza non vedere più Lubitsch”. E l’altro subito rispose: “Peggio ancora non vedere più i film di Lubitsch”.
Poi toccò a me parlare e allora dissi: “Peggio del peggio è non poter vedere più i film di Lubitsch sul grande schermo”.
Mi sbagliavo. A smentirmi è arrivata la Teodora Film che ha appena riportato in sala To Be or Not To Be (Vogliamo Vivere! era il titolo con cui venne distribuito in Italia), restaurato e rimasterizzato.

Così mi precipito al cinema, spettacolo pomeridiano. Età media della sala: sessantacinque anni. Però me ne accorgo solo alla fine della proiezione, quando si accendono le luci. La cosa mi fa riflettere. Non tanto perchè mi domandi “e i trentenni dove sono?”, ma perchè durante il film tutti ridevano come ragazzini.

Le due ore scappano via in quella volata di battute che anticipano battute ancora più belle e in quegli equivoci che sono solo una minuscola parte di tutti gli equivoci di cui il film è carico. Lo chiamavano “Lubitsch Touch”, il tocco di Lubitsch, e, come diceva Peter Bogdanovich, nessuno ce l’aveva tranne Lubitsch. Come il diabolico si nascondeva nei dettagli e si muoveva di continuo: lieve e rapidissimo. Impossibile acciuffarlo e farlo proprio.

Potrei raccontare la trama del film, disegnarla, ma non riuscirei comunque a spiegare il meraviglioso ordine algebrico alla base di To Be or Not To Be. Un’equazione che in ogni passaggio ride e si fa beffa di Hitler, dell’ottusa piaggeria dei nazisti e della volgarità della guerra, con le armi più invincibili di cui ogni popolo dovrebbe dotarsi: l’arte e l’ironia.
Grazie a questi strumenti una compagnia teatrale di Varsavia, impegnata ad allestire lo spettacolo “Gestapo”, e ancora in scena con le repliche dell’“Amleto” (il titolo si deve a questo), reagisce all’occupazione tedesca e protegge la Resistenza dalla minaccia di una spia nazista. I ruoli si scambiamo, si confondono in un susseguirsi di curve pericolose, ma con una divisa, la riga da una parte e un paio di baffetti finti si possono fare miracoli…

Il film è del 1942. In quell’anno se avevi il Lubitsch Touch potevi già ridere di Hitler.

Ludovica Sanfelice, insieme a Giacomo Cannelli, gestisce drittoeroveshow.it, blog di cinema, televisione e paradossi della società dello spettacolo.

Sito: www.drittoeroveshow.it
Facebook: drittoeroveshow
Twitter: @drittoeroveshow