Me
Il congresso dei Pirati
Condividi su:

Il congresso dei Pirati

Pirati tedeschi: l'ultimo treno per il Bundestag

12 Mag. 2013

L’ultimo treno per il Bundestag. Non è il titolo di un film, ma l’ultima occasione per i Pirati tedeschi di entrare nel Parlamento. Dopo una stagione di successi e di enorme risonanza mediatica, la Piratenpartei, che ha svolto il suo congresso in questo fine settimana, oggi è data nei sondaggi a circa il 2-4 per cento. La concorrenza è aumentata. Ad aprile è nata Alternativa per la Germania, il partito antieuro che sta togliendo ai Pirati un po’ di voti, qualche militante e molta visibilità sui media. Durante il congresso Christian Jacken ha annunciato il suo passaggio proprio a Alternativa per la Germania. Gli altri Pirati non l’hanno presa bene.

L’ultimo Congresso della Piratenpartei prima delle elezioni federali del 22 settembre è stata la tappa decisiva per iniziare con entusiasmo e convinzione una campagna elettorale che si prevede essere lunga e agguerrita. È stato proprio Bernd Schlömer, Presidente e leader del Partito, ad invitare tutti i Pirati a ritrovare gioia e compattezza per raggiungere l’obiettivo comune: raggiungere il 5 per cento dei consensi ed entrare in Parlamento. Nel Bundestag i Pirati porteranno una nuova e innovativa cultura politica perché non imporranno l’obbligo di seguire le decisioni del gruppo parlamentare, ha detto Schlömer. Durante il congresso a Neumarkt in der Oberpfalz (Baviera) non sono mancate polemiche, in particolare sulla proposta di un costante congresso di partito online che è stato però bocciato. Tuttavia, tale discussione rientra in una normale dialettica interna per un partito che fa del confronto aperto uno dei suoi punti di forza.

Nella giornata di venerdì è stato eletto il successore del segretario della Partito Johannes Ponader che negli ultimi mesi aveva subito numerose critiche. Al suo posto la giovane Katharina Nocun, classe 1986, nata in Polonia e cresciuta in Germania. Simbolo della nuova Repubblica Federale dove si mischiano diverse nazionalità, Nocun è una vera ventava di giovinezza, freschezza e novità. Nocun, che sarà la numero due nella lista in Bassa Sassonia della Piratenpartei per le elezioni federali, studia scienze politiche, informatica e psicologia a Osnabrück ed è esperta di cultura digitale. In un’intervista alla Süddeutsche Zeitung la nuova leader del Partito ha subito chiarito che anche se la politica della rete resta un punto decisivo del programma, i Pirati si sono ormai dotati di un’ampia e articolata proposta politica. I Pirati, al congresso, oltre ai tradizionali temi – trasparenza, diritti civili, ambiente, diritto d’autore e partecipazione politica – hanno rafforzato la loro proposta del salario minimo e del reddito di cittadinanza, della doppia cittadinanza e di un maggior coinvolgimento dei cittadini nei processi politici dell’Unione Europea.

La sfida politica dei Pirati tedeschi non è ancora persa. Sebbene il più famoso blogger tedesco, Sascha Lobo, abbia recentemente annunciato la sconfitta culturale dei Pirati, in relazione all’approvazione da parte del Bundestag di una legge restrittiva sul diritto d’autore, ha al contempo affermato che c’è ancora speranza. I Pirati, con questo Congresso, hanno provato a mettere ordine al loro interno dopo mesi di vero e proprio caos. Ora resta indispensabile riuscire a proporsi ai cittadini tedeschi come credibili alternative ai partiti tradizionali. Ce la faranno?

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus