Me
Tributo a Sir Alex Ferguson
Condividi su:

Tributo a Sir Alex Ferguson

Uno dei più grandi allenatori della storia del calcio ha annunciato il proprio ritiro

08 Mag. 2013

É il momento giusto“, con queste parole Alex Ferguson, lo storico allenatore del Manchester United ha annunciato il proprio ritiro. Come ha confermato il sito dello United lo scozzese lascerà dopo la partita con il West Bromwich Albion ed entrerà a far parte del Board del club.

Con i Red Davils ha vinto due Champions League, un Mondiale per Club, una Coppa Intercontinentale, una Coppa Uefa, una Coppa delle Coppe, 13 campionati inglesi, 5 FA Cup, 4 coppe di lega e 10 Charity Shield. Sir Alex, tuttavia, non arrivò a Manchester da perfetto sconosciuto, infatti con l’Aberdeen aveva vinto una Coppa Uefa, una Coppa delle Coppe, ben tre campionati scozzesi e quattro Coppe di Scozia. Fu dunque l’ultimo allenatore a rompere il duopolio Celtic-Rangers, che da più di due decenni anestetizza il campionato scozzese.

Nella sua lunga carriera ha allenato solamente quattro squadre di club: L’East Stirlingshire (1974), il St. Mirren (1974-78), l’Aberdeen (1978-86) e il Manchester United (1986-2013). Con i suoi 26 anni a Manchester è diventato il secondo allenatore più longevo a sedersi in maniera continuativa sulla panchina di uno stesso grande club, battuto solo da Guy Roux, coach dell’Auxerre per ben 44 anni consecutivi.

Accentratore e decisionista, ha interpretato in maniera unica e difficilmente imitabile il ruolo di allenatore ampliandone oltremodo il concetto. Pur avendo velleità di controllo assoluto sui suoi giocatori, la sua qualità migliore, oltre alla capacità di aggiornarsi tatticamente, è stata senza dubbio l’abilità nella gestione dello spogliatorio. Le sue mani hanno forgiato un numero difficilmente quantificabile di campioni internazionali, nonché due star assolute del calcio globale come David Beckham e Cristiano Ronaldo.

Questo documentario andato in onda per ITV nel 1998 racconta la storia dei suoi esordi 

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus