Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Attentato a Mogadiscio

Una vettura è stata fatta esplodere nelle strade della città, uccidendo otto persone. L'attacco è stato rivendicato da al-Shabaab

Immagine di copertina

Una vettura imbottita di esplosivo è stata fatta esplodere vicino a un convoglio che trasportava una delegazione di quattro funzionari del Qatar ieri mattina a Mogadiscio, uccidendo otto persone e ferendone almeno 18.

Il generale Garad Né Abdulle, un alto funzionario di polizia, ha detto che i membri della delegazione del Qatar sono illesi e hanno raggiunto in modo sicuro il loro hotel. I delegati sono coinvolti in progetti di sviluppo a Mogadiscio, ha ricordato il presidente somalo Hassan Sheikh Mohamud. L’attacco è stato rivendicato da al-Shabaab, un gruppo estremista islamico legato ad al-Qaeda.

Il Qatar è uno dei Paesi che sostengono il nuovo governo della Somalia per cercare di ricostruire il Paese dopo più di due decenni di guerra civile. Per al-Shabaab tutti coloro che cooperano col governo sono bersagli, perché impediscono agli islamisti di avere il controllo della Somalia e guidarla secondo una rigorosa interpretazione dei principi islamici.

L’attacco è avvenuto due giorni prima della conferenza di Londra sulla Somalia, che si concentrerà su come il governo somalo prevede di sviluppare le forze armate, la polizia, la magistratura e la gestione finanziaria. Il Regno Unito ha promesso fondi significativi e ha condannato l’attacco tramite il sottosegretario agli Esteri Mark Simmonds. “Incidenti come questo dimostrano l’importanza del governo somalo e dei partner internazionali che lavorano insieme per combattere l’estremismo”, ha detto.

L’Unione Africana e le forze somale hanno spinto i ribelli islamisti fuori da Mogadiscio nel 2011, ma i combattenti hanno continuato a compiere attentati. Il gruppo vanta tra le sue reclute diverse centinaia di militanti provenienti dall’estero, tra cui alcuni dal Medio Oriente con esperienza nei conflitti in Iraq e Afghanistan. Al-Shabaab recluta anche i combattenti delle comunità somale negli Stati Uniti e in Europa.

La Somalia non ha un governo funzionante dal 1991, quando i signori della guerra rovesciarono il dittatore Siad Barre, gettando la nazione impoverita nel caos. Il presidente Mohamud è stato eletto dal Parlamento a settembre, alla fine del governo di transizione di otto anni appoggiato dalle Nazioni Unite.

Il processo politico sostenuto dalla comunità internazionale, che ha determinato l’elezione di Mohamud, è stato condannato dai militanti islamici perché “manipolato dall’Occidente”.