Me
T.R.I.P. Travel Routes Photography
Condividi su:

T.R.I.P. Travel Routes Photography

In viaggio con T.R.I.P. ai mercati di Traiano. Mostra fotografica a cura di Arianna Rinaldo

30 Apr. 2013

Quattro viaggi differenti per le storie che raccontano. Quattro modi e stili diversi di percepire e interpretare la fotografia “on the road”.

Dalle macerie dell’Afghanistan dilaniato dalla guerra, nell’Ottocento come nel Duemila, al ricordo del surreale progetto dello Zambia di conquistare lo spazio emulando le superpotenze USA/URSS, passando per le atmosfere rarefatte di un’insolita Cuba “in bianco e nero” fino al profilo rassicurante dei baobab secolari in Africa.

Dal 9 maggio all’8 settembre 2013, all’interno della suggestiva cornice dei Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, ospite la rassegna fotografica “T.R.I.P. – Travel Routes In Photography”.

La mostra è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di the trip magazine e Zètema Progetto Cultura, in collaborazione con Antonio Carloni, direttore del festival “Cortona On The Move”.

Per tutta la stagione estiva, senza spostarsi dal centro di Roma, si potrà intraprendere uno straordinario percorso fotografico intercontinentale attraverso i lavori di Simon Norfolk, Elaine Ling, Giancarlo Ceraudo e Cristina De Middel.

La selezione degli scatti, a cura di Arianna Rinaldo, propone un’immersione nel viaggio, inteso non solo come “spostamento fisico”, ma come dimensione in cui si alternano pensieri in movimento, scoperte reali e percorsi nella psiche. Per la Rinaldo: “Il viaggio del fotografo è quello del conquistatore, l’idealista, il curioso, l’antropologo, l’osservatore che raggiunge un mondo sconosciuto o poco familiare e lo esplora, lo documenta, lo interpreta, lo inventa”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus