Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La Cia corrompe Karzai da 10 anni

L'agenzia di intelligence americana ha finanziato di nascosto il presidente afghano nel tentativo di influenzarlo e rafforzarlo

Immagine di copertina

Decine di milioni di dollari sono passati e stanno passando dalle casse della Cia ai conti di Hamid Karzai, presidente dell’Afghanistan dal 2001, secondo quanto riporta un’inchiesta del New York Times pubblicata il 28 Aprile e confermata anche dallo stesso Karzai lunedì 29. Non sono aiuti di stato nè denaro destinato al finanziamento di agenzie di intelligence afgane; sono soldi fantasma che arrivano direttamente (e in maniera non ufficiale) proprio a Karzai e i suoi collaborati, che può e possono utilizzare come meglio credono. «Sì, abbiamo ricevuto dei soldi. Mensilmente, non delle grosse cifre. Sono stati usati per vari scopi», ha affermato Karazai quando è venuto a sapere dell’articolo.

Gli “aiuti”, sottoforma di afflusso mensile di contanti, sono cominciati nel 2003 — esattamente un mese dopo che un altro stato, sempre in maniera molto poco trasparente, iniziò ad adottare questa tecnica: l’Iran, infatti, nel dicembre 2002 inviò una «macchina sportiva piena di contanti» al palazzo di Karzai e così fece per i mesi a venire. Una sfida a chi influenzava di più il leader afgano, che per l’Iran si concluse nel 2010, quando la notizia trapelò e ne parlarono tutti. La Cia invece continua la pratica da ormai 10 anni, senza mai essersi fermata e diventando quindi «la fonte più grande dei corruzione in Afghanistan», nelle parole di una fonte militare del NY Times

I soldi, nella ricostruzione dell’articolo, sono serviti a costruire e rafforzare la struttura del potere di Karzai: lord della guerra e signori dell’oppio, network clientelari di autorità locali, clan e tribù. Più che un tentativo di aumentare la lealtà di Karzai, o un tentativo poco velato di “comprare” il presidente, è stato –o si è trasformato– quindi un modo per far sì che la sua leadership non venisse scalfitta. «Li chiamiamo soldi fantasma, perchè arrivavano misteriosamente e sparivano altrettanto misteriosamente» ha affermato Khalil Roman, il vice capo dello staff di Karzai. E per questo motivo ancora nessuno conosce l’esatta cifra in ballo, anche se si può tranquillamente parlare di almeno decine di milioni di dollari. I soldi non figurano nei registri della Cia, uscendo da quei speciali conti che servono per le attività segrete, come per esempio le attività diplomatiche non ufficiali o i viaggi segreti degli agenti. 

Tutto torna, in effetti, se si pensa che l’Afghanistan è lo Stato con il più alto tasso di corruzione, secondo solo a Nord Corea e Somalia. E dall’accusa di corruzione non è mai stata esente la famiglia Karzai, da sempre immischiata negli affari loschi del paese: il fratello del presidente, Ahmed Wali Karzai, per esempio –morto nel 2011– era sia un politico che un uomo legato al mondo della droga e della criminalità; nonchè uno dei coordinatori del Kandahar Strike Force, una formazione paramilitare (anche questa finanziata dall’estero, la Cia di nuovo su tutti) creata per combattere i talebani nella zona di Kandahar. 

iMerica è un sito che racconta il meglio (e il peggio) degli Stati Uniti. 
Sito: www.imerica.it
Facebook: iMerica – Cronache sugli USA
Twitter: @iMerica_it