Me

Nicolás Maduro presidente

Il delfino di Chavez ha vinto: è presidente del Venezuela. Ma l'opposizione si rifiuta di riconoscere il risultato elettorale

Immagine di copertina

Nicolas Maduro, un autista di autobus diventato pupillo dell’ex leader socialista Hugo Chavez, ha vinto le elezioni presidenziali del Venezuela con il 50,66 per cento dei voti (7.505.338), contro il 49,07 per cento (7.270.403 ) di Henrique Capriles.

Una differenza di soli 235 mila voti. Sebbene l’opposizione infuriata chieda un riconteggio e si rifiuta di accettare il risultato, il Consiglio Nazionale Elettorale ha confermato ieri il margine di vittoria di Maduro. Si tratta della vittoria elettorale più risicata nella storia recente del Paese.

Dopo l’annuncio, numerosi scontri sono scoppiati nella capitale Caracas. La polizia ha sparato gas lacrimogeni contro centinaia di studenti che dimostravano in una parte della città, mentre altrove i sostenitori dell’opposizione hanno sbattuto pentole e padelle in segno di protesta dai loro balconi e per le strade. Capriles aveva in precedenza esortato alle proteste, chiedendo di marciare sugli uffici elettorali nella capitale nel caso in cui Maduro venisse dichiarato vincitore. L’opposizione ha rifiutato di accettare il risultato di un voto definito illegittimo. “Ogni singolo voto dovrà essere ricontato”, aveva detto Capriles

Osservatori esterni hanno dichiarato che il sistema di voto del Venezuela, che prevede sia un voto elettronico che uno su carta, è tra i migliori al mondo. Alcuni studenti a sostegno di Capriles hanno invaso ieri l’hotel che ospitava gli osservatori elettorali internazionali chiedendo loro di restare, protestando perché il voto era stato dichiarato libero ed equo.

Capriles ha segnalato oltre 3 mila irregolarità durante la votazione. Il leader dell’opposizione sostiene che è stato attuato un piano per manipolare i risultati delle elezioni presidenziali. “Avvertiamo il Paese e il mondo dell’intenzione di cercare di cambiare la volontà espressa dal popolo”, ha detto in un messaggio su Twitter. “Oggi non ho combattuto contro un candidato ma contro un sistema di abuso di potere”.

L’ex attivista sindacale ha immediatamente dichiarato vittoria. “Sono qui per assumere la mia responsabilità con coraggio … La lotta continua!”. Maduro, 50 anni, era diventato deputato e confidente di Chavez dai primi anni 1990 per poi assumere la carica di presidente ad interim dopo la sua morte. Durante la campagna elettorale, ha invocato il suo mentore decine di volte al giorno, fecendosi chiamare “figlio” e “apostolo” del defunto leader politico.

Il presidente russo Vladimir Putin e il leader cubano Raul Castro sono stati tra i primi capi di Stato a congratularsi con Maduro per la sua vittoria. Ma gli Stati Uniti hanno chiesto una verifica dei risultati.

“È necessario garantire che tutti i venezuelani abbiano fiducia in questi risultati,” ha detto il portavoce della Casa Bianca Jay Carney. A nostro avviso è necessario non deludere le aspettative dei venezuelani per un esito chiaro e democratico”.

Washington ha dichiarato di essere interessata a trattative con il Venezuela su diversi temi. “Mentre i nostri due Paesi presentano forti differenze, gli Stati Uniti hanno a lungo desiderato un dialogo con il Venezuela in materia di commercio e di lotta alla droga e al terrorismo”.