Me
La pittura corporale
Condividi su:

La pittura corporale

Sinuose ed eleganti, ecco le linee degli "henna" sudanesi

16 Apr. 2013

Il matrimonio dei più agiati, a Khartum, richiede mesi di preparazione, e tanti, tanti soldi; è un miraggio per molti altri, la maggioranza, che nel resto del Paese sopravvive grazie agli aiuti internazionali.

Al di là della festosa ostentazione, comune a tante culture, il matrimonio sudanese è anche un’affascinanate esibizione di abiti e disegni tradizionali, ornamentali e di buon auspicio.

“Henna” sono le piccole opere d’arte, dalle linee eleganti e sinuose, che le donne si lasciano dipingere sulle mani dall’ “hannana” o dalle sorelle, prima e dopo il matrimonio. La tinta è ricavata da foglie di speciali piante sempreverde, che vengono essicate, polverizzate e stemperate con acqua, quindi fatte asciugare per alcuni giorni sotto il sole. Una volta assunta la giusta consistenza, la tinta viene stesa sulle mani e sui piedi delle giovani donne. Il colore non è permanente, dura circa due o tre settimane.

I disegni più comuni sono rose e fiori, ma la moda più recente sta lanciando anche antiche composizioni egiziane o nubiane.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus