Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Quando l’arte subisce minacce

In una galleria di Pechino inaugurata una mostra sulla Corea del Nord

A Pechino da pochi giorni si sono conclusi i festeggiamenti in occasione del capodanno cinese, questa volta nel segno del Serpente. Durante la festa gli abitanti di etnia Dai hanno indossato costumi variopinti e trasportato dell’acqua limpida fino al tempio per lavare la statua di Buddha e per bagnarsi a vicenda come da tradizione.

Se l’usanza rappresenta il gesto di depurare e di sciacquare via il vecchio tempo trascorso per accogliere il nuovo, quest’anno è iniziato all’insegna di un’altra manifestazione e di un’altra stella per nulla cinese, ma soprattutto di tutt’altra bestia.

Il 15 aprile infatti la Corea del Nord festeggia il Giorno del Sole, ovvero la nascita del fondatore Kim-Il Sung. Per questo 101esimo anniversario, contrariamente ai provocatori test nucleari lanciati in questo stesso giorno lo scorso anno – che rispetto alle minacce reiterate di quest’ultimo mese in effetti sono una simpatica barzelletta – è stata organizzata una mostra in una galleria d’arte di Pechino dove sono stati esposti per lo più dipinti, fotografie e opere letterarie nordcoreane.

Nonostante l’edificio dov’è situata la galleria appartenga ad un’associazione culturale sostenuta dal governo cinese che non ha ostacolato l’allestimento dell’esposizione, a quanto pare i funzionari presenti erano soprattutto rappresentanti di Pyongyang. Approfittando dell’occasione (che tuttavia ha raccolto un pubblico davvero ristretto) Ji Jae-Tyong, ambasciatore coreano presso la Cina, ha tenuto un discorso nel quale oltre a denunciare la repressione militare da parte delle potenze nemiche, ha ribadito la propria fedeltà a Kim Jong-Un: “Fino a quando seguiremo la guida del compagno Kim Jong-Un, saremo in grado di ottenere il grande successo del socialismo”, ha concluso Ji, ammirando una delle foto della mostra, raffigurante Kim Jong-Un durante un comizio dello scorso anno. 

Inutile riflettere sulla catastrofe dell’arte di regime, sulla controversia dell’arte di propaganda e dei danni, o delle reazioni creative, prodotti dal monopolio coatto della cultura da parte della dittatura. Il vero dubbio è:

– Chissà se alla fine della mostra si trova qualche souvenir…