Me

Topless Jihad Day

"Le nostre tette fanno più male delle vostre pietre". Le Femen si mobilitano in sostegno della tunisina Amina Tyler

Immagine di copertina

Le Femen lanciano la Topless Jihad. Il movimento di donne ucraine, che si denudano per protesta, si mobilita in sostegno di Amina Tyler, la ragazza tunisina che, imitandole, ha postato su Facebook le sue foto in topless, scatenando l’ira dei conservatori islamici che ne chiedono la lapidazione. Sul sito delle Femen, la ‘guerra santa del topless’ invita “tutte le donne arabe a un’azione pubblica in topless”: “Ci saranno milioni di Amina! Il nostro seno è più pericoloso delle vostre pietre”. La giovane tunisina, di cui la scorsa settimana si erano perse le tracce facendo temere per un’incarcerazione o un internamento in manicomio, si trova nella sua abitazione in Tunisia e sta bene, ha riferito nei giorni scorsi il suo avvocato, Bochra Belhaj Hmida, all’Afp