Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Ritorno al passato

Una nuova Costituzione e il razzismo di ritorno. In Ungheria si riapre una finestra sugli anni Trenta

Immagine di copertina

In Ungheria, sotto il governo conservatore di Viktor Orbán, cresce la minaccia del razzismo e dell’antisemitismo. Dichiarazioni scioccanti fuoriescono ormai regolarmente dal Paese membro dell’Unione Europea e la svolta autoritaria suggerita dalla recente riforma costituzionale, invisa a Bruxelles, ha consolidato la pessima reputazione internazionale di cui gode il governo Orbán.

Un caso recente si è verificato il 15 marzo scorso, quando la più alta onorificenza nel Paese è stata conferita a personalità a dir poco controverse. Come riporta Deutsche Welle, Ferenc Szaniszlo e Kornel Bakay hanno vinto il premio Tancsics, spingendo almeno una dozzina dei premiati degli anni passati a riconsegnare i loro riconoscimenti come gesto di protesta.

Il primo è un giornalista che in passato è apparso in televisione sostenendo diverse teorie cospiratorie ed è arrivato a definire gli ebrei “immondizia” e i rom “scimmie”. Bakay è invece un archeologo che si è fatto promotore di tesi singolari tra cui l’origine ungherese di Gesù e la responsabilità degli ebrei nell’aver dato inizio alla compravendita di schiavi nel Medioevo.

Un altro premio, la Croce d’oro al merito, è infine andato a Janos Petras, frontman dei Karpatia, un gruppo molto vicino al partito di estrema destra Jobbik che in passato ha anche preso parte a una marcia della Guardia ungherese, un’organizzazione paramilitare dissolta dai tribunali nel 2009.

Il ministro delle Risorse umane, Zoltan Balog, responsabile per l’attribuzione dei riconoscimenti, si è dissociato dalla scelta dei premiati, in particolare del giornalista Szaniszlo, dichiarando di non essere stato a conoscenza delle sue affermazioni antisemite. In risposta alle polemiche e alla richiesta del ministro, il giornalista ha poi restituito il premio.

Un’altra persona vicina al governo è Zsolt Baker, un opinionista di destra, che a gennaio affermava pubblicamente che ai rom non dovrebbe essere concesso esistere. Le dichiarazioni sono state anche riprese e difese da un giornale vicino a Fidesz, il partito di Orbán.