Me

Scuole separate a Gaza

Hamas ha ordinato alle scuole di creare classi separate tra bambini e bambine a partire dai 9 anni d'età

Immagine di copertina

I bambini e le bambine palestinesi di Gaza andranno a scuola in classi separate a partire dai 9 anni di età. Inoltre agli uomini sarà vietato di insegnare nelle scuole femminili. Una proposta di legge annunciata ieri dal governo di Hamas, contenuta in un plico di 18 pagine, prevede di costruire il carattere nazionalista degli studenti e prepararli a essere “impegnati nella cultura palestinese, araba e islamica.” La legge ha lo scopo di incoraggiare gli alunni “a conoscere la Palestina, con i suoi confini storici, la sua storia “.

Le misure entreranno in vigore all’inizio del nuovo anno scolastico a settembre. In realtà, data il profilo conservatore della società di Gaza, ragazzi e ragazze di età superiore ai 9 anni sono già separati nella maggior parte delle scuole statali.

Le nuove regole di separazione dovrebbero entrare in vigore dal prossimo anno scolastico e interesseranno le scuole private e istituti cristiani, nonché quelle gestite dalle Nazioni Unite. Verrà mantenuta la libertà delle scuole cristiane di insegnare a studenti non musulmani temi legati alla loro religione. Ogni istituto che promuova la normalizzazione dei rapporti con Israele si troverà ad affrontare una pena di 10 anni di carcere per ogni responsabile individuale e una multa di 20 mila dinari giordani (circa 22 mila euro) per ogni istituto coinvolto nella l’organizzazione di programmi di scambio o di attività che includano gli israeliani.

Yousef Al-Sherafi, un deputato di Hamas e un membro del comitato dell’istruzione, ha detto in un’intervista, “Questa legge è una valvola di sicurezza per i nostri principi nazionali. Un membro dello staff maschile tra 20 insegnanti di sesso femminile in una scuola femminile non avrebbe permesso alle nostre sorelle di sentirsi a proprio agio”.

Questa sarebbe l’ultima mossa di Hamas per imporre alla popolazione di Gaza uno stile di vita più vicino a un’interpretazione conservatrice dei dettami islamici. Il mese scorso, le Nazioni Unite hanno annullato la maratona annuale di Gaza dopo che Hamas aveva annunciato che alle donne non sarebbe stato permesso di partecipare.

Gli attivisti per i diritti umani a Gaza spiegano che da quando Hamas è salito al potere nel 2007, la leadership islamista ha rilasciato una serie di dichiarazioni sulla questione del pudore femminile, tra cui un tentativo di forzare studentesse universitarie e avvocati a portare il velo e che vieta alle donne di fumare il narghilè in pubblico, oltre a voler imporre il divieto agli uomini di lavorare come parrucchieri per donne. Molti di questi editti sono stati ritirati di fronte alla opposizione da parte di gruppi della società civile. 

“Sono fondamentalisti che credono che l’Islam dica che le donne dovrebbero stare a casa e non uscire senza l’hijab” ha detto Hala Qishawi, direttore del Centro per gli affari delle donne a Gaza. “Quello che preoccupa è che l’applicazione di queste restrizioni islamici sulle donne sembra essere diventata una priorità”.