Me
Il secondo avvento
Condividi su:

Il secondo avvento

Secondo il 40% dei Cristiani USA è giunta l'ora del ritorno di Gesù sulla Terra.

30 Mar. 2013

Pasqua è la festa più importante per tutti i Cristiani del mondo, che ricordano la morte di Cristo e celebrano la sua Risurrezione. Ma qualcuno, soprattutto in America, non si limita ai festeggiamenti: guarda anche al futuro. Nemmeno troppo lontano.

Secondo una rilevazione del Pew Research Center del 26 Marzo, circa metà dei Cristiani USA (il 47%) è convinto che Cristo ritornerà sulla Terra certamente (27%) o molto probabilmente (20%) nel giro dei prossimi 40 anni. Una percentuale inferiore, attorno al 38%, tende invece ad escludere un tale ritorno: totalmente (10%) o molto probabilmente (28%).

In realtà, non sembrano esserci particolari ragioni in grado di spiegare perché ci sia una convinzione così alta dell’imminenza del secondo Avvento. Per quanto per secoli teologi e filosofi si siano interrogati sulla questione, la Bibbia non lascia dubbi in proposito: nessuno se non Dio può conoscere l’ora del secondo Avvento, ed esso sarà improvviso. “State in guardia! State all’erta! Non sapete quando arriverà il momento”.

Come credere quindi che tale momento sia veramente giunto? Non si può; ma è vero che la fede è la fede, e ha motivi che la ragione non ha. Eppure, limitandosi molto laicamente alla sola analisi storica, alle centinaia di previsioni fatte e regolarmente smentite, possiamo ragionevolmente supporre che tra quarant’anni più di un Cristiano Americano resterà deluso.

iMerica è un sito che racconta il meglio (e il peggio) degli Stati Uniti. 
Sito: www.imerica.it
Facebook: iMerica – Cronache sugli USA
Twitter: @iMerica_it

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus