Me
Due attivisti rischiano la vita
Condividi su:

Due attivisti rischiano la vita

Abdulhadi e sua figlia Zainab sono in sciopero della fame per protestare contro la loro incarcerazione

28 Mar. 2013

Due attivisti per i diritti umani incarcerati in Bahrein sono in sciopero della fame e le loro condizioni di salute stanno peggiorando, secondo le associazioni locali per i diritti umani. Abdulhadi al-Khawaja e sua figlia Zainab hanno iniziato il loro sciopero il 17 marzo, per protestare contro la loro incarcerazione.

I due versano ormai in gravi condizioni. I medici hanno detto che Zainab corre il rischio di arresto cardiaco o coma. Una delle accuse a suo carico è quella di essere entrata nella “zona vietata” al centro di disordini nel 2011 e di aver danneggiato un bene pubblico (avrebbe strappato una foto del re). Il 28 febbraio 2013, è stata condannata a 3 mesi di detenzione. Suo padre, Abdulhadi, è tra gli otto attivisti e figure dell’opposizione condannati all’ergastolo con l’accusa di aver complottato per rovesciare lo Stato. 

Alle Nazioni Unite, il Consiglio dei diritti umani (Cdu) ha recentemente emesso una dichiarazione di condanna “delle vessazioni e l’incarcerazione di persone che esercitano il loro diritto alla libertà di opinione e di espressione in Bahrein”. La dichiarazione ha anche fatto riferimento alla “mancanza di garanzia di un giusto processo” nel caso dei processi contro 13 attivisti politici, tra cui Abdulhadi al-Khawaja. Tra i firmatari anche gli Stati Uniti, che si erano rifiutati di firmare una dichiarazione simile l’anno scorso. Il Bahrein è membro di un comitato consultivo al Cdu.

Ma la repressione del governo sui manifestanti continua. Martedì, in 13 sono stati condannati a 10 anni di carcere per le accuse di attacchi alla polizia. Oltre 60 persone sono rimaste uccise nel corso di manifestazioni anti-governative in Bahrein ispirate alle proteste della Primavera araba, iniziate il 14 marzo del 2011.

La famiglia Al-Khawaja ha un seguito significativo su Twitter. La madre di Zainab, Khadija Almousawi (@ tublani2010) e la sorella, Maryam Al-Khawaja (@ MARYAMALKHAWAJA) hanno twittato regolarmente sul trattamento in carcere da Zainab. Hanno riferito che le celle della prigione, che di solito contengono 10 detenuti, ne contengono ora oltre 16.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus