Me
L’Euro è una moneta di successo
Condividi su:

L’Euro è una moneta di successo

Per l'economista Schmieding, autore di "Unser gutes Geld", serve "più Europa"

15 Mar. 2013

A oltre dieci anni dall’introduzione dell’Euro non c’è niente che divide i cittadini europei più della loro stessa moneta. Ovunque in Europa – da Madrid ad Atene, da Lisbona a Bruxelles – cresce il malessere sociale che si concretizza in manifestazioni di piazza. In Germania, poi, è nato un nuovo partito anti-euro: Alternativa per la Germania. Il movimento potrebbe esordire già alle prossime elezioni federali di settembre.

Eppure proprio dalla Germania arriva una voce in difesa della moneta unica. Si tratta di Holger Schmieding, direttore economico della Berenberg Bank, la più antica banca privata tedesca. Il suo libro Unser gutes Geld. Warum wir den Euro brauchen (Murmann, Hamburg 2012) è una strenua difesa dell’Euro.

Schmieding conosce molto bene i problemi della costruzione della moneta unica e intende rispondere alla diffusa critica che considera l’Euro un errore ed un esperimento fallito. Per l’economista tedesco la moneta unica ha garantito la stabilità sia della finanza statale sia dei prezzi. Prima dell’introduzione dell’Euro i Paesi europei avevano debiti superiori rispetto al periodo successivo durante il quale tutti gli Stati hanno avviato politiche di risanamento del bilancio pubblico. Ha iniziato la Germania con le riforme dell’Agenda 2010 e pur con alcuni problemi si sono avviati imponenti programmi di miglioramento dei conti pubblici in Grecia, in Spagna e in Italia. Come ricorda l’autore, le riforme hanno bisogno di tempo per far vedere i propri effetti. In sintensi: Bisogna avere pazienza.

Il libro di Schmieding affronta anche il cuore del problema dell’Europa di oggi, ovvero l’instabilità economica dei cosiddetti PIGS. Secondo Schmieding la soluzione è quella che l’autore stesso chiama Agenda 2010 plus. Tradotto in termini più comprensibili: continuare con le riforme, con la disciplina di bilancio e con la politica di austerità. Per l’autore è questa l’unica ricetta per uscire dalla crisi. Richiede sì tempo, ma i benefici saranno duraturi.

La politica di austerità tuttavia non sembra avere effetti immediati. La soluzione offerta da Schmieding è deludente, un po’ ingenua e forse anche troppo merkeliana: prendere tempo (Zeit kaufen).

Un breve paragrafo del libro è dedicato anche agli eurobonds. Qui Schmieding la pensa esattamente come la Cancelliera che affermò: Niente Eurobonds finché vivrò. La posizione dell’autore è: Dio ci protegga dagli eurobonds.

La crisi dell’Euro, infine, è vista da Schmieding come una grande chance. È molto importante per il rafforzamento dell’Europa aver approvato il Fiscal Compact che è un grosso freno alla creazione di nuovo debito. In futuro ci saranno certamente più controlli e l’ESM (il fondo di stabilità finanziaria) è una solida rete di sicurezza. Proprio su questo punto finale Schmieding rassicura i suoi lettori tedeschi. L’ESM può prendere una decisione solo con una maggioranza qualificata dell’85 per cento del capitale. La parte tedesca rappresenta il 27,1 per cento. Di fatto la Germania ha un diritto di veto. Come dire: prepariamoci ad un’Europa sempre più tedesca. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus