Me

In attesa del Papa, è tornato il Messi…a

Al terzo giorno il Barça resuscita e condanna il Milan alla dannazione europea

Immagine di copertina

“Apoteosi”, “Che notte!”, “Non sono di questo mondo”… Le edicole di Barcellona questa mattina sono un fiume in piena di superlativi, lodi sperticate e odi solenni al verbo blaugrana. L’impresa è stata notevole. Il Barça ha rifilato 4 gol al Milan, è riuscito a remuntare il risultato dell’andata e ora è qualificato ai quarti di Champions.

La vittoria ha ridato autostima a una squadra che probabilmente l’aveva smarrita sulla rotta tra Barcellona e New York. Lì è andato a curarsi l’allenatore Tito Vilanova e da lì dirige da più di un mese gli allenamenti per telefono. Già, la tecnologia; ma se poi non puoi strillare ad Alves di tornare in difesa, tutto diventa più difficile. Così nelle ultime settimane il Barça, la macchina perfetta, l’ammazza-avversari, aveva mancato gli appuntamenti più importanti: prima la sconfitta di San Siro, poi quelle più dolorose contro il Real Madrid, in Coppa e in Liga. In riva al Manzanares stavano già intonando il tanto atteso de profundis: è finito un ciclo, il Barça non ne ha più, adesso è il momento del Real Madrid, Messi non è poi questo granché.

Ed ecco invece che nel conclave del Camp Nou, Leo Messi, proprio lui, il più criticato in queste settimane, resuscita, si inventa una doppietta di classe e mette a tacere tutti. Villa e Alba ne mettono a segno altri due e dichiarano l’extra omnes. Fumata blaugrana, habemus Barça. Quello dell’altro mondo, quello che non lascia scampo e gambe ai giocatori mortali. Ora tutti sperano che si avveri la profezia: Barcellona e Real Madrid di nuovo contro, magari in finale. Non resta che sedersi, dunque, e aspettare di vedere il giudizio divino.

P.S.: Il Barça ha giocato in altre due occasioni durante i giorni del Conclave, nel 1958 e nel 1978, ed entrambe le volte ha vinto per 4-0. Magari se Allegri lo avesse saputo, non avrebbe schierato dall’inizio tre punte.