Me
La Cina è il maggiore importatore di petrolio
Condividi su:

La Cina è il maggiore importatore di petrolio

I dati non sono ancora definitivi, ma l'andamento è irreversibile, considerando l'aumento della produzione interna di petrolio negli Usa

05 Mar. 2013

Per la prima volta la Cina supera gli Stati Uniti come più grande importatore di petrolio al mondo, secondo i dati preliminari pubblicati dalla Us Energy Information Administration. La notizia è considerata dagli specialisti come “un cambiamento che scuoterà la geopolitica delle risorse naturali”.

I dati mostrano che le spedizioni in entrata della Cina hanno raggiunto i 6,12 milioni di barili al giorno nel mese di dicembre 2012, mentre gli Stati Uniti hanno importato solo 5,98 milioni di barili al giorno – il dato più basso dal febbraio 1992.

Secondo il Financial Times il dato può essere distorto dal fatto che per motivi fiscali le compagnie petrolifere americane tagliano i loro acquisti di petrolio netto alla fine dell’anno per ridurre le loro imposte. Negli ultimi dieci anni le importazioni statunitensi di petrolio tendono infatti sempre a recuperare nel mese di gennaio.

Ma con la produzione interna di petrolio degli Stati Uniti in aumento, potrebbe non essere molto lontano il momento in cui il nuovo status della Cina sia definitivo. Gli analisti ritengono che gli Stati Uniti cederanno comunque il primo posto alla Cina come primo importatore di petrolio al mondo nel corso del 2013 o al più tardi nei primi mesi del 2014.

Lo scorso anno, la produzione di petrolio degli Stati Uniti è salita a più di 800 mila barili al giorno, il maggior incremento annuale dall’inizio dell’era del petrolio nel Paese più di 150 anni fa.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus