Me
Gli Stati Uniti tagliano la spesa pubblica
Condividi su:

Gli Stati Uniti tagliano la spesa pubblica

Il Congresso non è riuscito a trovare un accordo, e Obama è stato costretto a firmare l'ordine per 85 miliardi di dollari di tagli

04 Mar. 2013

Barack Obama ha firmato venerdì sera l’ordine attuativo per il taglio di 85 miliardi di dollari alla spesa pubblica federale americana, una mossa che ha descritto come “stupida” e che ha imputato all’intransigenza dei repubblicani al Congresso.

Parlando a una conferenza stampa alla Casa Bianca dopo un incontro senza risultati con i leader del Congresso, Obama ha messo in guardia gli americani perché si prepararino a un estenuante confronto che potrebbe durare per mesi e che costerà sacrifici alla classe lavoratrice.

“Non sarà un’apocalisse” ha detto Obama. “Ma stiamo andando a ferire singoli individui e stiamo per danneggiare l’economia globale”.

Le agenzie federali hanno trascorso il fine settimana nel rivedere i loro piani di bilancio e inizieranno presto il processo di invio di lettere ai lavoratori federali per informarli con 30 giorni di preavviso di orari di lavoro più brevi, congedi anticipati e persino licenziamenti.

Il reparto più colpito sarà il Pentagono, che dovrà trovare più di 40 miliardi di dollari in risparmi da qui a settembre, circa il 9 per cento del suo bilancio complessivo.

Il Dipartimento della Difesa ha già pubblicato un piano che nel peggiore dei casi potrebbe significare circa 500 miliardi di dollari di tagli dal Pentagono nel corso del prossimo decennio.

In materia di istruzione si prevede la scomparsa fino a 40 mila posti di lavoro a livello nazionale. Quasi tutti i Dipartimenti del governo saranno colpito, con tagli pari a circa il 5 per cento dei loro bilanci complessivi.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus