Me
L’etica dei lavoratori europei
Condividi su:

L’etica dei lavoratori europei

Un sondaggio di YouGov rivela le cifre dei lavoratori che si sono dati falsamente malati nei vari Paesi europei nel 2012

20 Feb. 2013

Secondo un sondaggio di YouGov pubblicato dal quotidiano Bild, un tedesco su cinque ha finto di essere malato per non recarsi a lavoro nel 2012.

Il totale delle ore di lavoro perdute è di 34 milioni e il danno economico si aggira tra i 5 e i 10 miliardi di euro.

Nello studio gli irlandesi sono all’ultimo posto in termini di etica del lavoro, con quasi uno su tre che è rimasto a casa per false ragioni, seguiti dagli italiani (27 per cento) e dai britannici (25 per cento).

Spagnoli e francesi passano invece come i lavoratori più onesti, con rispettivamente solo il 14 e il 18 per cento degli assenti da lavoro.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus