Me
Le nuove prospettive per Apple
Condividi su:

Le nuove prospettive per Apple

L'azienda di Cupertino ha molti margini di espansione. La sua forza sta nell'innovazione, e ci sono mercati ancora da esplorare

18 Feb. 2013

In questo post voglio analizzare quello che Apple può imparare dall’attuale caos del mercato, e come adattarsi di conseguenza. Come possessore di azioni, sono motivato dal mio interesse economico, ma sono anche un cliente Apple da molto tempo, e mi piacerebbe vedere la compagnia forte e stabile. Ecco quindi dei suggerimenti che ho per la direzione (anche se sono sicuro che siano più impegnati a controllare il loro business che a leggere blog):

1. Credibilità per chi investe: la compagnia deve riguadagnare fiducia agli occhi degli azionisti. Apple ha la reputazione di sottostimare i risultati attesi, prima dei report sui guadagni reali. Invece di facilitare il superamento delle aspettative, questo atteggiamento ha influenzato i mercati a ignorare le proiezioni della Apple. In seguito a questi risultati sembra che la compagnia stia facendo il primo passo verso la strategia di mercato adottata da Amazon: dare un’ampia forbice di previsione sui risultati attesi. Trader, analisti e investitori si arrabbieranno e potrebbero abbandonare i loro pacchetti. Bene!

2. Chiarezza: diventare più aperti verso le strategie e i prodotti a lungo termine. Penso che la segretezza di Apple riguardo le nuove strategie e i nuovi prodotti sia un buon modo di affrontare il mercato, ma che crei anche un vuoto di comunicazione, riempito da voci di corridoio e fantasie infondate. So che Apple si preoccupa di far trapelare informazioni che potrebbero aiutare i suoi competitor, ma quando sei un’azienda di quelle dimensioni, le notizie arrivano ai tuoi concorrenti in ogni caso. Quindi, finiamola di atteggiarci come se stessimo proteggendo la sicurezza nazionale e iniziamo a fare business!

3. Prendere una posizione: la compagnia deve smettere di provare a essere tutto quello che gli investitori vogliono che sia e prendere una sua posizione che la metta in evidenza come una compagnia più matura. Prenderne una direzione non significa chiudere la porta alle altre, visto che un’azienda ha sempre prospettive di crescita, ma stabilisce i punti cardine che saranno le basi anche per gli azionisti.

4. Credere fermamente nella scelta: una volta presa la propria scelta in modo consapevole, Apple deve comportarsi di conseguenza. Se decide di essere un’azienda matura, dovrebbe dare più soldi agli azionisti, anche se penso che il riacquisto delle azioni abbia più senso rispetto all’aumento di una quota dei dividendi. Al momento, con un grande bilancio in attivo, non ha senso per Apple indebitarsi, ma da qualche parte lungo la strada potrebbe essercene bisogno: deve considerare l’opzione prestito, visto che non usarla significa privarsi dei benefici fiscali che ne ricaverebbe.

Lo so.. lo so.. Dopo tutte queste decisioni Apple diventerebbe una compagnia noiosa, ma credo ci sia un percorso eccitante che l’azienda dovrebbe considerare, e che potrebbe anche dare buoni frutti a chi investe. Il successo degli ultimi dieci anni è derivato dalla “distruzione creativa”, colpendo mercati creduti saturi con prodotti innovativi: il retail con iTunes e Apple store, la musica portatile con iPod, il mercato dei cellulari con l’iPhone e quello dei tablet con l’iPad. Il successo in questi settori l’ha portata ad essere l’azienda più grande in ognuno di essi, e questo è stato un problema. Come ha sottolineato Clayton Christensen, il guru strategico di Harvard, è difficile per dei vincitori stabiliti continuare ad essere ‘innovatori distruttori’ perché hanno troppo da perdere, e Apple non può più permettersi di continuare a rivoluzionare i suoi mercati. Ha due scelte: può abbandonare la sua giovane e creativa strada di distruzione e crescere, o può andare a destabilizzare nuovi mercati. Penso che debba optare per un misto, giocando in difensiva sul mercato degli smartphone e dei tablet, e usare i suoi vantaggi competitivi per rivoluzionare nuovi mercati. Al contrario di Samsung o Microsoft, Apple non è mai stata solo un’azienda di tecnologia. La sua forza è sempre stata un mix unico di design, eleganza ed efficienza, e questo le ha dato la leadership.

Quindi, dove deve guardare Apple adesso? Suggerisco che il prossimo investimento sia dove le compagnie già esistenti sono confuse, fanno prodotti con un brutto design di cui i clienti non sono soddisfatti, ma nonostante questo sono costrette a proseguire per quella strada per motivi economici, anche senza inventiva. Riesco a pensare almeno a una dozzina di questi prodotti. Anche se le televisioni sono state escluse dalla nuova grande mossa di mercato Apple, non vedo perché il prossimo business debba essere per forza elettronico. Sono sicuro che i miei voli sarebbero migliori sulla Apple Air, il mio soggiorno più confortevole con Apple Hotel e le mie tasse spese in maniera migliore con il governo Apple.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus