Me

Obama riceve gli Heats i “big electors” di Florida

In uno spumeggiante discorso il presidente ha celebrato il titolo NBA dei Miami Heats scherzando con James, Wade e Bosh: i suoi veri "Grandi Elettori"

Immagine di copertina

Obama riceve gli Heats

Le capacità oratorie di Barack Obama difficilmente deludono, specialmente quando si parla di basket, disciplina che sotto il suo mandato è diventata a tutti gli effetti “sport presidenziale“.

Il discorso con cui ha celebrato i campioni NBA del 2012 è stato un autentico show; un mix perfetto di ironia, autoironia, competenza tecnica e retorica. Dopo essersi scherzosamente preso il merito della vittoria e aver dedicato almeno una parola per ogni protagonista della cavalcata vincente, ha concluso, fra le risate generali, dicendo: “Ora faremo una foto in cui sembrerò molto basso”.

Inutile commentarlo… il video va solo gustato.

Seppur tifoso dei Chicago Bulls, Barack Obama è apparso comunque soddisfatto per la possibilità di premiare gli Heats. La squadra di Miami, infatti, era stata costruita su tre grandi superstar come Chris Bosh, Dwyane Wade e soprattutto Lebron James, soprannominati “Big three“, tanto per il loro spessore qualitiativo quanto per la loro stazza fisica. Agli occhi del presidente degli Stati Uniti, tuttavia, i tre devono essere apparsi soprattutto come dei… “Grandi Elettori“. In effetti per quanto (economicamente e personalmente) si sono spesi in suo favore durante la campagna elettorale, un ricevimento alla Casa Bianca sembra proprio il minimo che si potesse fare.