Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Baseball e softball di nuovo alle Olimpiadi?

Fusione delle due federazioni per tentare di ritornare ai Giochi Olimpici. Una battaglia che spiritualmente unisce Obama, Chavez e Castro

Immagine di copertina

Baseball e softball di nuovo alle Olimpiadi

Mercoledì 12 dicembre la Federazione Internazionale di Baseball (Ibaf) ha annunciato che i suoi 83 membri hanno votato all’unanimità in favore della fusione con la Federazione internazionale di Softball (Isf). Dopo quasi un anno di discussione si è arrivati alla conclusione che questa scelta fosse l’unica possibile per provare a convincere il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) a riammettere queste discipline nel calendario olimpico.

Dopo esser stati presenti ai Giochi dal 1992 (il softball dal 1996) al 2008, l’estromissione da quelli di Londra 2012 e Rio 2016, ha reso pressoché necessaria la fusione di Ibaf e Isf. Il 19 dicembre quindi le due federazioni presenteranno al Cio un progetto congiunto che punta sull’abbattimento dei costi, enfatizzando specialmente sull’uniformità e la condivisione del campo di gioco.

Nato negli Stati Uniti, di cui è un simbolo, il baseball si è diffuso specialmente in quei Paesi che sono stati permeati dall’influenza culturale americana. Questo sport e la sua versione ‘soft‘ sono molto popolari in estremo Oriente (Giappone, Corea del Sud e Taiwan) e nel continente americano. Curiosamente è anche lo sport nazionale in due paesi dell’America Latina schierati su posizioni anti-americane come il Venezuela e Cuba.

Proprio la comune passione per ‘il diamante’ ha portato lo scorso 30 maggio il presidente del Venezuela Hugo Chàvez a provocare scherzosamente sulla questione il suo collega statunitense dichiarando: “Forza Obama, insieme possiamo allearci e combattere per il baseball e il softball”, aggiungendo poi che anche Fidel e Raul Castro, grandi appassionati di questo sport, avrebbero condiviso l’impegno. Al di là delle implicazioni politiche e del sogno olimpico, come ha evidenziato il presidente della federazione internazionale Riccardo Fraccari, questa nuova collaborazione potrebbe contribuire ad abbassare i costi e a promuovere queste discipline in un numero di Paesi sempre crescente.