Me
Un caso di Delirio di Capgras sui media internazionali
Condividi su:

Un caso di Delirio di Capgras sui media internazionali

Quando gli “impostori” prendono il posto di amici e parenti

05 Set. 2018

Diversi media internazionali hanno descritto come nel settembre 1995, in Galles, i coniugi Alan e Christine abbiano avuto un incidente stradale; ricoverati entrambi in ospedale, ne sono poi usciti dopo qualche giorno senza particolari problemi fisici. Al rientro in casa, però, Alan ha cominciato a comportarsi in maniera diversa dal solito: guardava la moglie con sospetto, di rado le rivolgeva la parola, la evitava. Lo psichiatra che lo ha visitato non ha avuto dubbi nel porre la diagnosi: Delirio di Capgras.

Il Delirio di Capgras è un raro disordine neuropsichiatrico; chi ne è colpito vive nella ferma convinzione che le persone a lui care siano state sostituite da replicanti, alieni o semplicemente da impostori a loro identici. Il disturbo può essere acuto (passa nel giro di qualche settimana) o cronico; cronico, nel caso di Alan.

Dopo l’incidente, Alan si è convinto che la moglie Christine fosse morta, e che quella che vedeva fosse un’altra persona, un impostore, con le sue sembianze. “Christine One” e “Christine Two”.

Il disturbo è stato descritto per la prima volta nel 1923 dai medici francesi Joseph Capgras e Jean Reboul-Lachaux nel documento “L’illusion des ‘sosies’ dans un delire systématisé chronique”. Il testo parla del caso di Mme. M, convinta che degli impostori avessero preso le sembianze dei suoi cari al fine di rubare la sua eredità.

Recenti studi hanno fatto luce sulla neurobiologia del disturbo. Da un lato è stato evidenziato che il Delirio di Capgras (e altre patologie simili, chiamate nel complesso “sindromi di misidentificazione”) si associa nel 25-40% dei casi a patologie organiche quali ictus, infezioni, tumori, epilessia o malattie endocrine; dall’altro si è individuato uno specifico circuito neuronale la cui disfunzione può portare alla prosopagnosia (incapacità di riconoscere i volti delle persone) o al delirio di Capgras vero e proprio.

In seguito all’esordio del disturbo Alan ha perso il lavoro e le sue attuali condizioni cliniche non sono state riportate; quattro anni dopo l’incidente, il tribunale di Cardiff ha stabilito un risarcimento danni a suo favore di 130.000 £.

@savebers

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus