Il politico statunitense criticato per il suo video dentro una camera a gas di Auschwitz
Condividi su:

Il politico statunitense criticato per il suo video dentro una camera a gas di Auschwitz

Il repubblicano Clay Higgins ha realizzato un video in cui visita vari punti dell'ex campo di concentramento nazista parlando della seconda guerra mondiale, ma su Twitter il personale di Auschwitz lo ha accusato di voler rendere il luogo “un palcoscenico”

05 Lug. 2017  
Clay Higgins
Clay Higgins è membro del Congresso statunitense

Un membro del Congresso statunitense è stato duramente criticato per aver girato un video dentro una delle camere a gas di Auschwitz, poi pubblicato su Youtube.

Il repubblicano Clay Higgins ha realizzato un video di cinque minuti sulla seconda guerra mondiale, in cui visitava vari punti dell’ex campo di concentramento nazista. A un certo punto entra anche dentro una camera a gas e spiega come i prigionieri venivano uccisi al suo interno.

A un certo punto del video Higgins ha dichiarato che i campi di concentramento sono la ragione per cui l’esercito statunitense dovrebbe essere “invincibile”.

L’iniziativa però non è piaciuta ai funzionari del memoriale e del museo, i quali hanno scritto su Twitter che la camera a gas “non è un palcoscenico”, ma un luogo di silenzio, lutto e riflessione.

 

Successivamente, l’account ha pubblicato una foto della targa esposta all’ingresso della camera, che chiede ai visitatori di fare silenzio.

 

Nel campo di concentramento polacco sono morte un milione e 100mila di persone, perlopiù ebrei.

Qui sotto il video di Clay Higgins: